CONDIVIDI

30 Minutes or Less è una coproduzione tra Germania e Canada ed è diretto da Ruben Fleischer. Interpretato da Jesse Eisenberg, Danny McBride, Nick Swardson, Aziz Ansari, Michael Peña, Dilshad Vadsaria, Bianca Kajlich, Fred Ward, Jordan Trovillion, Alex Rush, Angelique Sky, Elizabeth Wright Shapiro, Geoff Pilkington, Staci Lynn Fletcher, Richard Goteri, il film si ispira al caso del rapinatore kamikaze Brian Douglas Wells, fattorino di una pizzeria della Pennsylvania costretto a rapinare una banca con un ordigno esplosivo appeso al collo.

Nel film due amici vengono rapiti da due balordi che stanno organizzando un piano per impossessarsi dell’eredità del padre di uno di loro. Secondo il piano, uno dei due amici deve rapinare una banca per liberare l’altro preso in ostaggio e consegnare ai due improvvisati malviventi il denaro del colpo in banca che servirà per assoldare un killer che si occuperà dell’omicidio per poter riscuotere infine l’eredità.

L’attore protagonista nel ruolo di Will è Jesse Eisenberg, protagonista in Zombieland mentre qui interpreta lo sfortunato fattorino di pizze d’asporto che viene preso di mira dai due criminali da strapazzo. Lui dovrà rapinare la banca mentre il suo migliore amico, interpretato da Aziz Ansari, rischierà la vita con una bomba legata al petto.

Eisenberg ha preso parte anche al primo film di rilevanza su Facebook, ovvero The Social Network, interpretando appunto il suo fondatore Mark Zuckerberg. In 30 minutes or less a dirigerlo ritrova Ruben Fleischer dopo la commedia comica e horror sugli zombie, mentre in cabina di produzione c’è Ben Stiller con la sua Red Hour Films, artefice di successi come Zoolander, Starsky & Hutch e Tropic Thunder.

Purtroppo 30 Minutes or Less, nonostante sia un film sufficientemente gradevole e davvero ben realizzato, stenta a spiccare sulla media e sembra accontentarsi di un minimo sindacale di divertimento.

Gli si riconosce il merito di voler tagliare davvero corto (il film dura circa un’ora e 20, ma sembra persino più breve) senza tirarla per le lunghe come spesso accade nella commedia americana odierna, ma per quanto riguarda il disegno dei personaggi la cosa non va del tutto a suo vantaggio, e al di sotto del ben calibrato mix di generi e della bravura degli interpreti mancano completamente il carattere e l’inventiva che avevano reso così indimenticabile l’opera precedente di Fleischer.

La questione Danny McBride è più particolare: la star della magnifica serie Eastbound and down subisce un deciso calo di carisma e interesse se si priva il suo personaggio-stampino ignorante e vanaglorioso (con tanto di spalla) ogni accenno di redenzione, trasformandolo di fatto in un villain vero e proprio. E questa sottile ma radicale differenza toglie al film un’ambiguità morale che, forse, gli avrebbe giovato.

Il film è uscito direttamente in Home Video saltando il passaggio nelle sale e quindi è già da ora ordinabile presso qualsiasi videoteca o e-commerce.

L’edizione Home Video si contraddistingue per l’edizione in DVD con traccia video in 4:3 e traccia audio in Dolby Digital, ed unedizione Blu Ray sempre con traccia video in 4:3 ad una risoluzione di 1080P e traccia audio nella media dello standard Blu Ray.