CONDIVIDI

Siamo in un‘era di remake sia cinematografici che televisivi. Dopo i remake di Supercar, di Visitors e dell’imminente Dallas (anche se qui più che di remake si parla di prosecuzione) è la volta di un grande ed intramontabile classico della fantascienza televisiva, stiamo parlando di Spazio 1999.

A renderlo noto è stato l’Hollywood Reporter, che ha riportato il comunicato delle case di produzione, ITV studios America e HD films, già responsabili di altri remake illustri come ad esempio quello di V (Visitors).

Ed è proprio il produttore di HD films, Jace Hall a comunicarlo con entusiasmo: “La fantascienza è un formato potente, capace di visualizzare la condizione umana in modo provocatorio”. Hall avrà anche il compito di produttore esecutivo, ma per il momento il progetto è ancora nelle fasi iniziali e non è ancora stato presentato alle emittenti, ma il produttore è convinto del suo piano: “Sono fermamente convinto che alcuni aspetti del tono di Spazio:1999 rappresentino una piattaforma da cui esplorare molte possibilità”. E aggiunge “stiamo già re-immaginando la saga per portare qualcosa di nuovo e rilevante al pubblico di oggi”.

Non a caso il titolo scelto sarà Space: 2099, che arriva da un film sperimentale dei Retcon Studios, che con la regia di Eric Bernard avevano tentato una strada già provata con altri classici televisivi, ovvero inserire nuovi effetti speciali all’interno di spezzoni della serie classica, rimontandola per darle un tono più moderno e di cui vi proponiamo un corposo contributo video che troverete in calce a quest’articolo.

E Moderno è il termine a cui fa riferimento anche il boss di ITV studios, Paul Buccieri: “Dopo trentacinque anni siamo elettrizzati dall’idea di sviluppare una nuova versione di una saga così amata in tutto il mondo. Storicamente, Spazio: 1999 ha attirato e affascinato milioni di persone.”

In verità questo non è il primo tentativo di riproporre e riportare in onda la serie tv. Il 13 settembre 1999, data della presunta catastrofe lunare, si tenne presso Los Angeles una convention rievocativa chiamata Breakaway, come il titolo del primissimo episodio. Vi fu proiettato un cortometraggio intitolato Message from Moonbase Alpha (Messaggio da Base Lunare Alpha), proposto in Italia attraverso la raccolta della serie in DVD, scritto da Johnny Byrne, uno dei più prolifici sceneggiatori della serie originale, e prodotto dai fan del club Fanderson.

Zienia Merton ritorna dopo ventitré anni nei panni dell’analista dati Sandra Benes: in un ultimo ed accorato messaggio di saluto alla Terra, racconta che gli alphani sono costretti a trasferirsi definitivamente su un pianeta ribattezzato Terra Alpha, lasciando la Luna prima che si allontani dall’orbita del pianeta.

Le riprese furono effettuate il 29 agosto 1999 in un set allestito nel garage della casa di un fan in Gran Bretagna, ricostruendo fedelmente il pannello principale della sala operativa, quello provvisto del monitor, con un risultato eccellente. Originariamente il cortometraggio avrebbe dovuto costituire il germe di un futuro sequel della serie, ambientato sul nuovo pianeta venticinque anni dopo il messaggio, con un cast composto dalla discendenza dei personaggi originali. Ma il progetto è stato abbandonato e il monologo di Sandra viene considerato il lungamente atteso ma dignitoso epilogo della serie Spazio 1999, ma di questo (e di molto altro ancora), avremo modo di parlarne in futuro.