CONDIVIDI

Ne avevamo già parlato in questo articolo ed ora che si avvicinano sempre di più le riprese di Godzilla, e così in vista dell’inizio della produzione la Warner Bros. e la Legendary Pictures hanno coinvolto Drew Pearce (sceneggiatore di Iron Man 3) per rimettere mano definitivamente allo script di David Callaham, David S. Goyer e Max Borenstein.

Il film, diretto da Gareth Edwards, “farà tornare la creatura alle sue epiche origini con un film d’azione molto realistico e cruento”.

L’uscita è fissata per il 16 maggio 2014, lo stesso dell’uscita delle Tartarughe Ninja e una settimana prima dell’uscita del sequel dell’Alba del Pianeta delle Scimmie.

Anche se al momento non è disponibile la sinossi del film, fin dall’inizio la produzione ha voluto precisare che non solo la pellicola sarà un reboot della saga ma rappresenterà anche un ritorno alle origini rimanendo il fedele possibile all’originale.

Per chi non lo sapesse, nella versione originale, Godzilla è un Gojirasauro, immaginaria specie appartenente alla stessa famiglia del Tirannosauro, apparsa nel periodo Giurassico-Cretaceo e sopravvissuta fino in tempi recenti, localizzata in alcune isolette dell’Oceano Pacifico, per la precisione le isole di Odo e Ragos. Questo preistorico sopravvissuto viene mutato dalle radiazioni emanate dagli esperimenti nucleari americani (nel remake dai francesi) che hanno investito l’isola del Pacifico dove viveva. Le radiazioni hanno aumentato smisuratamente le dimensioni di Godzilla che è così divenuto un colosso con zampe grandi come una casa.

Godzilla è un mostro molto malvagio e feroce, nemico dell’umanità, anche se nei film degli anni sessanta e settanta ne è diventato alleato per poi ritornare cattivissimo negli anni ottanta. Ma anche quando è pericoloso per gli umani, Godzilla si ritrova spesso nel ruolo dell’eroe, in quanto protegge il Giappone dai vari mostri che periodicamente lo attaccano. Godzilla infatti considera il Giappone casa sua data la super abbondanza di cibo e di nucleare (sua primaria fonte di energia) e non tollera quindi che il suo territorio venga invaso.

Godzilla voleva essere una denuncia verso gli orrori della Seconda guerra mondiale, in particolare sull’uso delle armi atomiche. Infatti il mostro origina proprio da quel tipo di arma che devastò Hiroshima e Nagasaki (e nel film le rovine di Tokyo devastata dal mostro, rimandano proprio ai paesaggi devastati delle due città), e che oltre alle centinaia di migliaia di morti causate dall’esplosione, diede origine al malvagio essere che continua la sua opera di distruzione. E tutto è collegato a questo mostro che da un lato si rifà ad elementi tipici della cultura nipponica (come la minaccia che arriva dal mare) e dall’altro alla pericolosità della tecnologia usata per fini distruttivi. Il fatto poi che Godzilla sia stato creato dagli esperimenti nucleari degli americani, indica anche il sottinteso anti-americanismo che sarà sempre presente nella saga.

Quasi sicuramente questi messaggi non saranno presenti nella nuova pellicola che punterà alla spettacolarizzazione della storia. Al momento non siamo in grado di dirvi altro, ma seguiremo da vicino l’evolversi della vicenda e non appena vi saranno degli sviluppi non mancheremo di tenervi aggiornati, quindi continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!