CONDIVIDI

L’artista e illustratore statunitense Ralph McQuarrie, il visual artist artefice del travolgente successo della saga fantascientifica “Star Wars” grazie ai suoi disegni considerati da tempo parte dell’iconografia popolare, è morto ieri all’età di 82 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato dal suo sito ufficiale. Concept artist di grande talento per la cinematografia fantascientifica, McQuarrie è stato il creatore di tutto l’universo visivo della trilogia classica di ”Guerre stellari” di George Lucas, ma anche della serie originale tv di ”Galactica”, di E.T. l’extra-terrestre e Cocoon, l’energia dell’universo, grazie al quale ha vinto un premio Oscar.

Contemporaneo di Syd Mead, un altro concept designer e futurista, di cui è stato compagno di scuola. “RMQ”, come si firma nei lavori originali, ha creato le illustrazioni per diverse pubblicazioni di Isaac Asimov, compresi Sogni di robot (Robot Dreams) e Visioni di robot (Robot Visions). Quando, nel 1995, George Lucas annunciò che avrebbe realizzato i prequel di Guerre stellari, Ralph McQuarrie fu invitato a dirigere il design team, come aveva fatto Joe Johnston vent’anni prima. Dopo il suo arrivo, disse che il team esistente (diretto dall’illustratore della Industrial Light & Magic Doug Chiang) era più che sufficiente e declinò l’invito a partecipare.

McQuarrie recitò nel ruolo del Generale McQuarrie in Star Wars: Episodio V – L’Impero colpisce ancora, ma non compare nei titoli di coda.