CONDIVIDI

Freddie Mercury, nome d’arte di Farrokh Bulsara (Stone Town, 5 settembre 1946 – Londra, 24 novembre 1991), è stato un cantante, compositore e musicista britannico di origini parsi e indiane.

Membro fondatore dei Queen, gruppo musicale rock britannico nato nel 1970 (di cui ha fatto parte fino all’anno della sua morte), è ricordato per il talento vocale e la carica di sensualità che imprimeva nelle esibizioni dal vivo. Come compositore, ha scritto brani come Bohemian Rhapsody, Crazy Little Thing Called Love, Don’t Stop Me Now, It’s a Hard Life, Killer Queen, Love of My Life, Play the Game, Somebody to Love e We Are the Champions. Oltre all’attività con i Queen, negli anni ottanta ha intrapreso la carriera da solista che lo ha portato a pubblicare due album, Mr. Bad Guy nel 1985 e Barcelona nel 1988, quest’ultimo frutto della collaborazione con il soprano spagnolo Montserrat Caballé, il cui singolo omonimo divenne l’inno ufficiale dei Giochi della XXV Olimpiade.

Malato di AIDS, è deceduto il giorno dopo la pubblica confessione del suo grave stato di salute, a seguito di una broncopolmonite, sviluppatasi per via della deficienza immunitaria legata alla malattia stessa. In suo onore, il 20 aprile 1992 venne organizzato il Freddie Mercury Tribute Concert, al quale parteciparono molti artisti musicali internazionali; i proventi dell’evento vennero utilizzati per fondare The Mercury Phoenix Trust, un’organizzazione impegnata nella lotta al virus dell’immunodeficienza umana (HIV). Mercury è considerato uno dei più grandi e influenti artisti nella storia del rock; nel 2008, il magazine statunitense Rolling Stone lo ha collocato al 18º posto nella classifica dei migliori 100 cantanti di tutti i tempi,mentre Classic Rock, l’anno successivo, lo ha classificato al primo posto tra le voci rock.

Un artista completo, amato e che indubbiamente ha lasciato un posto indelebile nel mondo della musica. Fin dai primi giorni dopo la sua morte si ventilava l’ipotesi di realizzare un film sulla sua vita, ma mai nulla di ufficiale era stato annunciato o dichiarato, almeno fino ad ora.

Adesso invece è ufficiale, il film su Freddy Mercury si farà e nel ruolo di protagonista potrebbe esserci Sasha Baron Cohen, il comico e attore britannico noto per i suoi personaggi di grande successo: Ali G, un aspirante gangsta-rapper inglese, Borat, un giornalista kazako, e Brüno, un giornalista austriaco di moda gay. Tutti questi personaggi appaiono nel Da Ali G Show, uno spettacolo spesso improvvisato in cui Baron Cohen intervista persone ignare che lo credono un vero giornalista.

A darne notizia è stato il chitarrista dei Queen, Brian May, che ha confermato che le riprese per la pellicola che si concentrerà sui primi anni di carriera del cantante scomparso nel 1991, inizieranno nella prossima primavera. Il 41enne attore inglese, è in prima fila per vestire i panni del leader del gruppo rock nel film biografico che racconterà Mercury sino al concerto evento del Live Aid nel 1985.

Del progetto si era tornato a parlare già nei mesi scorsi, ma su di esso erano sorte perplessità. “I pezzi stanno tutti per collocarsi al posto giusto, sebbene siamo un po’ in ritardo sui tempi inizialmente previsti – ha scritto il musicista sul proprio sito – Le riprese sono programmate per la primavera del 2013 con Baron Cohen nel ruolo di Freddie. Il film dovrebbe essere pronto per l’inizio del 2014”. May ha aggiunto che Freddie Mercury all’idea del film avrebbe “sorriso con ironia”. La sceneggiatura del film è affidata a Peter Morgan e la pellicola sarà co-prodotta dalla TriBeCa Productions di Robert De Niro.

Al momento non abbiamo altre notizie in merito, ma continueremo a seguire la vicenda da vicino e non appena vi saranno ulteriori ed immancabili sviluppi, non mancheremo di tenervi aggiornati, quindi continuate a seguirci.

Stay Tuned!!!