CONDIVIDI

Eravamo stati tra i primi a parlarvi della serie e a presentarvela (trovate gli articoli qui ed anche qui) ed oggi, purtroppo, dobbiamo tornare a parlare della serie per darvi notizia della sua cancellazione e cercare di spiegarvi cosa sia successo nel giro di poche settimane per tramutare una serie di successo in una serie che non ha superato la prima stagione.

Dopo le proteste della American Humane Association, è stata avviata un’indagine, che ha portato allo stop delle riprese che avrebbero coinvolto gli animali. Inizialmente la HBO si è detta dispiaciuta per l’accaduto, assicurando che le misure di sicurezza erano in vigore secondo gli standard e ha offerto il proprio contributo all’indagine, tuttavia in un secondo momento ha annunciato di aver cancellato la serie, gettando nello sconforto i fan.

Riportiamo di seguito le parti salienti del comunicato stampa ufficiale che nelle scorse ore la produzione ha rilasciato:

È con sommo dispiacere che i produttori esecutivi David Milch e Michael Mann annunciano di aver deciso, assieme alla HBO, di cessare la produzione della serie LUCK.

La sicurezza è sempre stata molto importante per noi. Abbiamo sempre mantenuto gli standard di sicurezza più alti durante la produzione. […] Gli incidenti purtroppo capitano, ed è impossibile garantire che non ce ne siano altri in futuro. Per questo motivo abbiamo raggiunto questa difficile conclusione.

Siamo immensamente orgogliosi della serie, della sceneggiatura, della recitazione, della regia, della celebrazione della cultura dei cavalli e di tutte le persone coinvolte nella sua creazione.

Dicono Michael Mann e David Milch: “Noi due abbiamo adorato la serie, il cast, la troupe e gli sceneggiatori. E’ stata una collaborazione straordinaria che speriamo di ripetere in futuro.”

L’espressione ricorrente sui principali siti americani nelle ultime ore è che Luck non abbia avuto fortuna: un ovvio gioco di parole sulla cancellazione prematura della serie da parte della HBO in seguito a un incidente sul set che ha portato alla morte di un cavallo, il terzo dall’inizio della produzione.

Ma qual è il motivo che ha portato a questa drastica decisione? Possiamo ricondurre il tutto, a un problema di immagine e pubblicità che inevitabilmente sono state intaccata dalla vicenda. Il valore di una serie come Luck è diverso da quello di altri prodotti della HBO come True Blood e Game of Thrones e risiede nella pubblicità per la rete, nel prestigio e nell’interesse che crea per il network. Luck è una produzione di lusso, ma nel momento in cui si parla di cavalli morti, incidenti, indagini e problemi del genere, non si sta più parlando di quanto ottimo sia il prodotto e questo tipo di pubblicità non fa più bene alla HBO. (Senza contare possibili conseguenze legali per quanto accaduto sul set).

Cancellando la serie, invece, la rete è voluta passare dalla parte del “giusto”, lanciando un preciso messaggio all’esterno: ha a cuore gli interessi degli animalisti e gli animali stessi, non è un’industria spietata, ha preso una decisione sofferta, ma dovuta.

Un finale decisamente amaro per una serie che ha ottenuto plausi da più parti e che era stata rinnovata, tanto che le riprese della seconda stagione, come detto, erano già in corso ed è stato girato un solo episodio della seconda stagione che, per scelta, non verrà trasmesso e possiamo solo sperare che venga incluso tra i contenuti speciali dell’edizione Home Video; gli ultimi due episodi della prima stagione, invece, andranno in onda regolarmente.

Chiudiamo questo nostro articolo con una sola certezza, Luck lascia un vuoto nei palinsesti della HBO che, ne siamo sicuri, quanto prima sarà assegnato ad un nuovo progetto ancora da definire, ma qualunque esso sia, avrà il difficile compito di colmare adeguatamente uno spazio che era di una serie raffinata e sofisticata che aveva un cast fuori dal comune, basti pensare a Dustin Hoffam come protagonista.