CONDIVIDI

I quattro dell’Oca selvaggia (The Wild Geese) è un film d’azione del 1978 di Andrew V. McLaglen con Roger Moore, Stewart Granger, Richard Harris, Richard Burton, Hardy Krüger.

Sir Edward Matherson (Stewart Granger) convoca in segreto il colonnello Allen Faulkner (Richard Burton) al quale chiede, dietro compenso, di liberare Julius Limbani, ex presidente democratico di un paese africano, prigioniero del dittatore Endova, salito al potere dopo un colpo di stato.

Faulkner accetta e si mette alla ricerca dei collaboratori migliori per questa missione, primi tra tutti i due più stretti amici, Rafer Janders (Richard Harris) abile stratega ed organizzatore e Shawn Fynn (Roger Moore) scaltro pilota di aerei. Si ritrova a mettere insieme una truppa di 50 mercenari e li porta in un campo di addestramento nello Swaziland in Africa. Qui, dopo aver pianificato nei minimi particolari la missione di liberazione, il gruppo si mette in marcia.

Lanciatisi in paracadute da un aereo, i mercenari raggiungono facilmente la caserma in cui è detenuto Julius Limbani, ne uccidono le sentinelle, fanno fuori qualche guardia che non si arrende, liberano il prigioniero e si accingono di corsa a riprendere l’aereo che li porterà in salvo, il tutto con minime perdite. Purtroppo per loro, nel frattempo Matherson si è accordato con il dittatore in cambio di vantaggiose concessioni minerarie e richiama indietro l’aereo lasciando i mercenari a terra in balìa delle forze africane.

Limbani, liberato dalla prigione, è malato e viene anche colpito durante l’evacuazione. In una fuga disperata, trasportandolo a spalle, i mercenari lottano per la salvezza e riescono a recuperare un aereo ma a costo di innumerevoli vite. D’obbligo la vendetta finale.

L’Africa, terra purtroppo da anni ricca di tragiche guerre, ha rappresentato e rappresenta una sorta di El Dorado per i cosiddetti mercenari. “I 4 dell’oca selvaggia”, tratto da un romanzo di Daniel Carney, vede protagonisti proprio queste ambigue figure, alle prese con una difficile missione posta fra fiction e realtà (gli eventi narrati prendono spunto da delle speculazioni). Il successo commerciale della loro avventura è stato ottimo (non però in America, per colpa di problemi distributivi), ma ha lasciato perplessa la critica dell’epoca per il suo modo di approcciarsi a tematiche alquanto delicate.

Un appunto condivisibile, difatti il film quando va a trattare di questioni politiche e sociali ha un piglio alquanto superficiale e facile. Lascia poi dubbiosi la caratterizzazione dei protagonisti, capaci di punire per senso di giustizia dei trafficanti di droga o salvare la vita di un carismatico leader africano, e di uccidere poi nel sonno un centinaio di soldati per soldi. Soffermarsi troppo però su questo tipo di considerazioni sarebbe sbagliato, visto che la pellicola è prima di tutto un action-movie, e su questo campo i risultati sono decisamente più apprezzabili. Grazie ad una storia piuttosto dinamica il ritmo risulta sempre sostenuto, e ci sono da annoverare un paio di sequenze di ottima spettacolarità, come la sparatoria sul ponte o il concitato epilogo.

Il cast inoltre è di tutto rispetto, con uno stuolo di star dell’epoca che riescono a non pestarsi i piedi e a rendere più efficace e coinvolgente la narrazione: anche grazie al suo personaggio e le vicissitudini che lo riguardano, un organizzatore d’azioni militari che cresce il figlio da solo, la palma del migliore va a Richard Harris. Una pellicola per certi versi contraddittoria ma che sa intrattenere; nell’85 è uscito anche un sequel, però di scarso successo.

Il film proprio in questi giorni è stato riproposto in Home Video con una triplice edizione che ora vi illustreremo in dettaglio.

La prima delle tre edizioni è quella DVD singolo disco con traccia video in formato 16:9 con rapporto 1.85:1 anamorfico e traccia audio in Dolby Digital 1.0 e nessun contenuto extra di rilevante importanza.

La seconda proposta è sempre in DVD sempre a singolo disco ma si tratta di una special edition che presenta una traccia video in formato 16:9 con rapporto 1.85:1 anamorfico e traccia audio in Dolby Surround 5.1u e nessun contenuto extra di rilevante importanza. Da notare che il minutaggio rispetto alla precedente edizione varia di 4 minuti (in meno).

La terza ed ultima proposta Home Video per questo titolo consiste in un’edizione Blu Ray con traccia video con risoluzione a 1080P in formato 16:9 con rapporto 1.85:1 anamorfico e traccia audio in Dolby Digital 1.0 e nessun contenuto extra di rilevante importanza. Il minutaggio di questa edizione in Blu Ray corrisponde a quello della versione DVD standard.