CONDIVIDI

Ad inizio anno vi avevamo parlato dei film più attesi del 2010 ed uno dei titoli che avevamo proposto era John Carter. A poche settimane dall’uscita del film nelle sale italiane e di tutto il mondo, sono ancora poche le persone che hanno ben presente cosa sia questo film e cosa ci si debba aspettare, quindi oggi con il nostro articolo vedremo di prepararvi al meglio per l’uscita di questo titolo.

Diretto da Andrew Stanton, regista di Wall-E, John Carter è un’avventura di pura azione ambientata sul misterioso ed esotico pianeta di Barsoom (Marte). Basato sul classico fantascientifico di Edgar Rice Burroughs (scrittore divenuto famoso per aver creato il personaggio di Tarzan), il film racconta la storia di John Carter (Taylor Kitsch)  è un soldato della guerra civile che, dopo la fine della guerra, si trova senza soldi e senza un lavoro, visto che i soldi confederati non hanno più valore, avendo il sud perso la guerra. Lui e un suo compagno vanno in Arizona per cercare una miniera d’oro, ma dopo che l’amico viene ucciso dagli indiani si rifugia in una caverna vicina. La caverna spaventa gli indiani che sono al suo inseguimento e quando Carter emerge dalla caverna,  ha una esperienza extra corporea, tanto da guardare il suo corpo disteso al suolo. Carter osserva Marte nel cielo e gli sembra di esserne attratto ed inspiegabilmente viene trasportato su Marte. L’uomo viene teletrasportato sul pianeta per diventare Marte il Dio della guerra. Qui trova un pianeta abitato dagli Uomini Verdi, giganti verdi alti 12 metri. Finito prigioniero delle creature aliene, Carter riesce a scappare per salvare la principessa Dejah Thoris, ritrovandosi coinvolto in un conflitto di proporzioni epiche tra gli abitanti del pianeta, inclusi Tars Tarkas (Willem Dafoe) e l’affascinante principessa Dejah Thoris (Lynn Collins). In un mondo sull’orlo del collasso, Carter scopre che la sopravvivenza di Barsoom e della sua gente è nelle sue mani.

Anche se il film deve ancora uscire nelle sale, già si parla di seguito che, stando a quanto è stato rivelato dalla produzione, sarebbe stato già scritto in una prima bozza che ripropone gli avvenimenti del secondo romanzo della saga. Ancora non vi sono certezze, se non quella che per avere un eventuale seguito, il film dovrà avere degli ottimi incassi e garantire un discreto margine di guadagno, ma le premesse fanno ben sperare.

Intanto, sfruttando la scia della campagna pubblicitaria del film torna in libreria, e proprio prima di sbarcare sugli schermi, la grande avventura scaturita dalla fantasia di Edgar Rice Burroughs. Il volume John Carter di Marte sarà in libreria il primo marzo, pochi giorni prima dell’uscita del film tratto dai romanzi scritti da Edgar Rice Burroughs. Nel volume edito dalla Newton Compton Editori il lettore troverà i primi tre romanzi della serie Barsoom, comunemente nota come Ciclo di Marte: Sotto le lune di Marte (Under the Moon of Mars), Gli Dei di Marte (The Gods of Mars) e infine Il signore della guerra di Marte (The Warlord of Mars). Sono i primi tre romanzi di una serie che ne conta in totale ben undici.

Un brano dall’incipit. Sono molto vecchio, non so esattamente quanto. Forse ho cento anni, forse più; ma non posso dirlo perché non sono mai invecchiato come gli altri uomini e non ricordo neppure di avere avuto un’infanzia. Fin dove arriva la mia memoria, ricordo di essere sempre stato adulto: un uomo di circa trent’anni.

Oggi il mio aspetto è identico a quello di quaranta e più anni fa, eppure sento che non posso continuare a vivere per sempre; che un giorno affronterò la vera morte dalla quale non c’è più resurrezione. Non so perché dovrei temere la morte, io che sono morto due volte e sono sempre in vita; tuttavia, al suo pensiero, provo lo stesso orrore che provate voi, che non siete mai morti. Ed è a causa di questo terrore della morte — credo — che sono così convinto che morirò.

L’autore. Edgar Rice Burroughs (Chicago 1875 — Encino 1950), dopo aver frequentato solo le scuole dell’obbligo, rinunciò alla carriera militare e iniziò a lavorare nella fabbrica del padre, per poi dedicarsi a varie attività. Successivamente cercò una sua strada facendo vari mestieri come: poliziotto ferroviario, minatore, cercatore d’oro, negoziante in un drug-store, venditore di temperini, venditore ambulante di dolciumi, cow-boy e anche contabile, a dimostrazione di una perenne insoddisfazione che era, specie in quegli anni, una sua caratteristica. Poco dopo aver venduto il suo primo romanzo per cento dollari, incontrò il favore del pubblico con la celeberrima serie di Tarzan e, da allora, i guadagni non fecero che aumentare, tanto che, alla morte, possedeva oltre dieci milioni di dollari. I suoi sessanta romanzi vendettero oltre quarantacinque milioni di copie nella sola America del Nord, a riprova di un successo che dura ancora oggi. Altri grandi cicli avventurosi scritti da Burroughs sono Carson di Venere (ciclo di Venere) e quello di Pellucidar (La terra dimenticata dal tempo), che assieme al Mondo perduto di Arthur Conan Doyle è tra le opere più influenti del genere “fanta-preistorico”.

Tornando al film di seguito vi proponiamo il trailer italiano ed una serie di video ed interviste realizzate durante la produzione del film e che vi introdurranno al ondo di John Carter.

Protagonisti della pellicola sono Taylor Kitsch, Lynn Collins, Samantha Morton, Mark Strong, Ciaran Hinds, Dominic West, James Purefoy, Daryl Sabara, Polly Walker, Bryan Cranston, with Thomas Hayden Church e Willem Dafoe.