CONDIVIDI

Quando Peter Jackson ha annunciato, durante il San Diego Comic-Con, di voler rimettere mano a Lo Hobbit per girare del materiale aggiuntivo, la probabilità di un terzo film sembrava abbastanza lontana. Soprattutto perché la Warner lo aveva anticipato rilasciando, qualche giorno prima, un comunicato stampa in cui si diceva che Lo Hobbit era stato intenso come, e sarà, un dittico. Ma Jackson pareva convinto di voler andare avanti per la sua strada.

Al Comic-Con Jackson aveva spiegato di aver girato moltissimo materiale in questo lungo anno di riprese, e che c’erano ancora degli elementi delle Appendici del Signore degli Anelli che gli sarebbe piaciuto inserire, tanto che stava discutendo con la Warner della possibilità di girare alcune nuove scene.

“Tre persone che non sono autorizzate a parlare pubblicamente,” spiega il LAT, “sostengono che secondo Jackson c’è abbastanza materiale del libro e delle appendici da realizzare un terzo film”. La New Line Cinema accoglierebbe la proposta con grande entusiasmo, e sempre secondo il sito sarebbero già in corso le discussioni con il cast e parte della troupe per firmare accordi che permettano questo “prolungamento”.

Ora, The Hollywood Reporter riprende la storia e la conferma. Warner si rifiuta comunque di commentare, ma la rivista ha le sue fonti privilegiate all’interno dello Studio.

Le cose non sono tuttavia così semplici, perché sono numerosi i contratti da rivedere alla luce di questa proposta e in particolare le eventuali pretese degli attori protagonisti potrebbero rendere difficiltose le trattative. Il Los Angeles Times spiega tuttavia che le discussioni con attori come Martin Freeman e Ian McKellen sono in corso ormai da diverse settimane.

Sempre il sito si chiede se la climatica battaglia dei Cinque Eserciti rimarrà nel secondo film o se, alla luce della possibilità che venga realizzato il terzo film, verrà spostata. Starà ovviamente agli sceneggiatori pensare alla maniera migliore per adattare la storia: le ipotesi sono le stesse di qualche anno fa, quando la produzione stava appunto pensando a realizzare un adattamento dello Hobbit e un vero e proprio film ponte. Essendosi già concluse le riprese principali, ed essendo piuttosto complicato girare un intero terzo film quando i primi due sono in post-produzione, l’idea che sembra più plausibile è che Jackson abbia effettivamente abbastanza materiale per fare tre film, e necessiti di riprese aggiuntive per inserire nuovi materiali e collegamenti con la trilogia del Signore degli Anelli. A quel punto, logica vorrebbe che la Battaglia dei Cinque Eserciti si spostasse al terzo film. Al momento si stanno svolgendo quattro settimane di riprese aggiuntive, mentre una seconda sessione si terrà l’anno prossimo.