CONDIVIDI

Il 10 dicembre 2007 i Led Zeppelin sono saliti sul palco della 02 Arena di Londra come headliner di un concerto tributo dedicato al loro caro amico Ahmert Ertegun, fondatore dell’Atlantic Records. E’ stato un tour de force di oltre due ore dell’ unico e caratteristico blues rock dei Led Zeppelin, quello che li ha fatti entrare subito nella leggenda. Ai membri originari John Paul Jones, Jimmy Page e Robert Plant si è unito Jason Bonham, figlio dello scomparso batterista John Bonham, per dare vita a 16 brani del loro incredibile catalogo incluse pietre miliari quali “Whole Lotta Love,” “Rock And Roll,” “Kashmir,” e “Stairway To Heaven.” Nonostante 20 milioni di persone si fossero registrate per i biglietti, il primo show live della band dopo 27 anni è stato visto solo da 18.000 fortunati. Ora Nexo Digital e Warner Music Italy sono orgogliose di potervi offrire in anteprima sul grande schermo lo storico concerto: un evento attesissimo che verrà proposto al cinema in contemporanea mondiale solo per un giorno, in alta definizione e con audio Dolby Digital 5.1 curato dalla stessa band per conquistare i fan con tutta la sua potenza.

Su altri il tempo passa e deposita come un velo, li appanna nella riproposizione opaca del loro repertorio più fortunato. Per altri non solo sembra che il tempo non passi, ma addirittura che li migliori, per la maturazione artistica e personale, perché le doti di cantante o strumentista si affinano, perché il “marciapiede” se vissuto con testa pensante può arrivare a costituire un patrimonio insostituibile. E di “marciapiede” i Led Zeppelin ne hanno consumato molto, gli innumerevoli tour, i mille concerti, gli eccessi, i disastri, la permanenza in quella macchina tritura-persone che è lo showbiz, che se non ti uccide, anzi ti fortifica, se sopravvivi alle infinite, letali tentazioni che l’ambiente ti butta davanti. Questo fa sì che la loro esibizione sia non solo stupefacente, ma proprio emozionante, un massiccio, esaltante muro di suono che con un tiro di potenza superba si abbatte sullo spettatore, coinvolgendolo come in un evento live. Tutte le canzoni sembrano più potenti, compatte, esaltate da un’esecuzione strumentale eccezionale (ai massimi livelli Page, Jones e Bonham Junior) e dalla voce sempre splendida (e così personale, così timbrata) di Plant, che sembra metterci più cuore. Il tempo scava le facce con le rughe, imbianca i capelli che qualcuno tinge, qualcuno (Page) tiene tranquillamente bianchi. E i brividi sono garantiti. La scaletta del concerto enfatizza la loro anima più rock/blues, come “lento” c’è solo Stairway to Heaven. Questi sono i pezzi eseguiti in oltre due ore tirate senza riprendere respiro, una summa del meglio: Good Times Bad Times, Ramble On, Black Dog, In My Time Of Dying, For Your Life, Trampled Under Foot, Nobody’s Fault But Mine, No Quarter, Since I’ve Been Loving You, Dazed And Confused, Stairway To Heaven, The Song Remains The Same, Misty Mountain Hop, Kashmir. Nei bis si esagera con la mitica Whole Lotta Love, in una versione potentissima, e con la travolgente Rock And Roll. Per un fan, un evento che per una volta non a torto va definito memorabile. Come la Lady di Stairway to Heaven, anche noi siamo sicuri che sono i Led Zeppelin ad avere comprato una scala per il paradiso e che, quando ci arriveranno, se tutti i negozi sono chiusi, con una parola potranno ottenere ciò per cui sono venuti.

Tutti i fan italiani dei Led Zeppelin si diano da fare, perchè il tempo a disposizione è veramente ridotto: solo 24 ore sono state un po’ pochine per andare al cinema ed assicurarsi il biglietto per gustarsi le due ore del concerto commemorativo che la rock-band britannica tenne alla O2 Arena di Londra il 10 dicembre di cinque anni fa.

Jimmy Page, Robert Plant, John Paul Jones e Jason Bonham di nuovo all’opera in un’esibizione che resterà nella storia del rock, resa alla perfezione da un documentario ben curato e spettacolare al punto giusto.

Per tutti quelli che non hanno potuto assistere all’evento, potranno usufruire dell’edione Home Video che saprà comunque regalare le stesse emozioni.