CONDIVIDI

È morto a 74 anni l’attore americano Sherman Hemsley, noto per avere interpretato il ruolo di George Jefferson nella serie tv “I Jefferson” (1975-1985). Secondo le autorità locali la star è morta nella sua abitazione a El Paso, in Texas, lo scorso martedì. Secondo quanto riportato dal sito di gossip Tmz. com, Hemsley è deceduto per cause naturali. È stata l’infermiera a trovarlo nella sua casa a El Paso ed a dare successivamente l’allarme.

All’attore, che aveva indossato i panni del burbero George Jefferson in precedenza nella sitcom americana di successo “All in the Family” (1972-1979), andata in onda su Canale 5 in Italia con il nome di “Arcibaldo”, fu offerto due anni dopo il ruolo di protagonista accanto a Isabel Sanford (ovvero Louise “Wizzie” Jefferson) ne “I Jefferson”. La serie tv divenne un cult dal suo debutto nel 1975 e durò per un decennio, tanto da far ottenere a Hemsley una nomination per gli Emmy, l’Oscar della tv, nel 1984 come attore protagonista.

Comica ed esilarante, la sit-com che ha portato al successo Hemsley, parla della scalata sociale di una famiglia afroamericana. Con numerosi riferimenti politici, la storia è centrata proprio sul difficile inserimento di una famiglia di colore nell’alta borghesia bianca newyorkese.

Storici i battibecchi tra George e la sua Weezie, personaggi che rimarranno nella storia per aver infranto più di un tabu. Sono infatti i primi «neri» ricchi e benestanti protagonisti di una sitcom americana. Vivono in un lussuoso appartamento di Park Avenue a New York e hanno come vicini i coniugi Willis, un bianco (Tom) e una nera (Helen), prima coppia mista della televisione.

Sebbene non sia mai riuscito a staccarsi di dosso il ruolo di George, Hemsley recitò anche nel film “L’aereo più pazzo del mondo 3” e nel 1989 è fra i protagonisti del video musicale di Michael Jackson, “Liberian Girl”. Torna a interpretare il ruolo di George Jefferson, inoltre, nell’episodio pilota della serie tv “P/S – Pronto soccorso” e in due puntate di “Willy, il principe di Bel Air”, nel film “Mafia!” (1998) e nel 2011 in un episodio del telefilm “House of Payne”.

Nato e cresciuto a Philadelphia, Hemsley lasciò la scuola superiore per entrare nell’aviazione americana; lavorò anche otto anni come postino, cercando di curare contemporaneamente la carriera musicale. Iniziò a recitare in compagnie locali e si trasferì a New York, dove fece il suo debutto a Broadway nel 1970.