A Star Is Born

A Star Is Born è un film del 2018 diretto da Bradley Cooper, al suo debutto come regista.


La pellicola è interpretata da: Bradley Cooper, Lady GaGa, Sam Elliott, Andrew Dice Clay, Anthony Ramos, Bonnie Somerville, Dave Chappelle, Greg Grunberg, Michael Harney, Eddie Griffin, D.J. ‘Shangela’ Pierce, Willam Belli, Steven Ciceron, Rebecca Field, Rafi Gavron, Andrew Michaels, Jacob Taylor, Geronimo Vela, Frank Anello, Germano Blanco, Presley Cash, Gabe Fazio, Erik Landreth, Phylicia Mason, Charles Moniz, Carlo Sciortino, Linz Stanley, Dennis Tong, Darrion Scoggins, Michelle Sepulveda, Lyn Matsuda Norton, Lozoya Jr., Lori Livingston, Shannon Klein, Derek Kevin Jones, Val Emanuel, Kara Duffus.

Jackson Maine è una star della musica rock, che si esibisce tutte le sere in città diverse per platee di fan urlanti. Il cantautore ha avuto un passato turbolento: il padre lo ha avuto all’età di 63 anni e la madre ne aveva a malapena 18. Come lui, il padre era un alcolizzato e molte volte Jack soffriva a causa della sua assenza. Inoltre, fin da quando era piccolo, Jack soffre di una malattia che lo tormenta: l’acufene.

Una sera, dopo un suo concerto, in cerca di qualcosa da bere, si dirige in un night club e incontra Ally, una talentuosa ragazza che si esibisce tutte le sere in quel locale; dopo un’accesa lite in un bar poco distante, lei gli canta a cappella alcuni versi di una canzone improvvisata, più il ritornello di una canzone scritta qualche giorno prima. Jackson si innamora di quei versi, poi la riaccompagna a casa. Il giorno dopo, Ally viene invitata ad un concerto dallo stesso Maine e, anche se inizialmente riluttante, si dirige lì dopo essersi licenziata dal posto in cui lavora. Durante lo spettacolo Jack ed Ally cantano insieme e si innamorano. Lei vorrebbe passare la notte con lui, ma quest’ultimo è troppo ubriaco e crolla immediatamente.

Il giorno successivo, Jack ed Ally partono in moto e si dirigono in Arizona, luogo di nascita di Jack. Per via delle canzoni cantate insieme nei vari spettacoli, Ally acquisisce sempre più fama ed un manager decide di aiutarla, facendole incidere il suo primo album. Egli però si offre di far spiccare il volo alla sua carriera ad una condizione: che Ally segua le sue linee guida e cambi il suo stile. Il disco diventa subito famosissimo, tanto che Ally vince un Grammy Award come miglior cantautrice esordiente. Durante il discorso di ringraziamento della cantante, Jack, che poco tempo prima l’aveva sposata, molto ubriaco fa fare una brutta figura alla moglie.

Due mesi dopo, Jack esce dal suo corso di riabilitazione per combattere l’alcolismo e torna a casa completamente pulito. Ally gli dice che rinuncerà alla tournée europea e rimarrà a casa con lui, registrando un secondo disco. Intanto il manager di Ally, in assenza di lei, dice a Jack che è un peso per la moglie, e che semplicemente standole vicino le porterebbe una pessima pubblicità, inficiando la sua carriera. Mentre Ally è assente da casa per fare un ultimo concerto al quale dovrebbe partecipare anche Maine, Jack prende una cintura trovata in macchina e si impicca nel garage di casa. Saputa la notizia, Ally, molto triste, canterà ai funerali una canzone scritta dal marito quando lei aveva iniziato ad avere successo snaturando il suo vero stile e la sua musica. Jackson aveva infatti nascosto il testo tra le pagine del diario che Ally usava per scrivere le canzoni che piacevano a lui.

La stessa storia, che nelle parole del personaggio di Maine, e nella versione di Bradley Cooper, terzo remake di uno dei melodrammi di maggior fama e successo della storia del cinema, assume l’immagine figurata delle dodici note che separano un’ottava dall’altra: la stessa dozzina, che può però produrre un suono molto diverso a seconda di come la si guarda.

Cooper, insomma, mescola a parole musica e cinema, nel nome dello spettacolo. Tramontata l’epoca dell’ingenuità esibita di Judy Garland e dell’espressività teatrale di James Mason (di cui non rimane che una battuta di dialogo), lontana parecchio anche dallo spirito anni Settanta del secondo remake, con Kristofferson e Streisand (citato nella scena del sopracciglio finto e, in qualche modo, con l’esistenza di un ranch), la versione di Bradley Cooper e Lady Gaga è più interessante per il modo in cui scompiglia ulteriormente le carte di genere dei personaggi e legge il vuoto del presente, piuttosto che per il risultato cinematografico, decisamente modesto.

Procedendo inizialmente in senso inverso, il nuovo È nata una stella spoglia l’attrice protagonista dei tanti travestimenti che hanno lanciato la sua carriera fuori dalla finzione, per offrirle una reale verginità d’immagine, che corrisponda all’esordio nel campo del cinema. Sempre fedele all’amore per il suo Jackson, e dunque fedele allo storia del personaggio attraverso i film, la Ally di Lady Gaga viene ad un certo punto accusata dal suo partner, con preoccupazione e affetto, di stare smarrendo la fedeltà a se stessa.

L’appunto, comunque lo si voglia etichettare, se classico o retorico, sposta su di lei un aspetto che in precedenza era proprio del personaggio maschile, ridotto a pupazzo senza volontà dalle logiche dello star-system, ma assume un segno del tutto opposto. Per quanto, infatti, mal gestito, soffocato da una lunga serie di sequenze poco memorabili e da un’inutile deviazione nei traumi infantili di Jack, l’orgoglio ultra pop della protagonista fa ugualmente capolino, al di là delle preoccupazioni di una rockstar sentimentale ma sorpassata, ed è il più evidente segno dei tempi e la sola quota d’originalità del film.

Scheda Tecnica Edizione 4K Ultra HD + Blu-Ray Disc

Produttore Warner
Distributore Warner Home Video
Anno pubblicazione 2015
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video Ultra HD 4K Dolby Vision
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Spagnolo Tedesco Polacco Ceco
5.1 DTS HD: Inglese
Dolby TrueHD Atmos: Inglese
Sottotitoli Italiano NU Inglese NU Tedesco NU Polacco Ceco Svedese Norvegese Finlandese Danese Arabo Spagnolo
Tipo confezione Slipcover
Numero dischi 2
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray Disc

Produttore Warner
Distributore Warner Home Video
Anno pubblicazione 2015
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Spagnolo Tedesco
5.1 DTS HD: Inglese
Dolby TrueHD Atmos: Inglese
Sottotitoli Italiano NU Inglese NU Tedesco NU Norvegese Greco Finlandese Danese Svedese Spagnolo
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione DVD + Album Colonna Sonora + Booklet Fotografico

Produttore Warner
Distributore Warner Home Video
Anno pubblicazione 2015
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Francesee
Sottotitoli Italiano NU Inglese NU Francese Olandese Greco
Tipo confezione Cofanetto
Numero dischi 2
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione DVD

Produttore Warner
Distributore Warner Home Video
Anno pubblicazione 2015
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,40:1 Anamorfico
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Francese
Sottotitoli Italiano NU Inglese NU Francese Olandese Greco
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra N.D.

Scheda Film