After

After è un film di genere drammatico, sentimentale del 2019, diretto da Jenny Gage ed interpretato da: Josephine Langford, Hero Fiennes Tiffin, Selma Blair, Jennifer Beals, Dylan Arnold, Peter Gallagher, Meadow Williams, Inanna Sarkis, Samuel Larsen, Pia Mia.


After, il film diretto da Jenny Gage, racconta la storia di Tessa (Josephine Langford), studentessa e figlia modello, con all’attivo una relazione di lunga data con un fidanzato dolce e affidabile.

Al primo anno di college, Tessa sembra avere un futuro già scritto, ma le coordinate del suo mondo così sicuro e protetto cambiano radicalmente quando incontra il misterioso Hardin Scott (Hero Fiennes Tiffin), un ragazzo arrogante e ribelle e allo stesso tempo magnetico, che le fa mettere in dubbio tutto ciò che pensava di sapere di se stessa e quello che vuole realmente dalla vita.

La particolarità della storia di After, il nuovo film diretto da Jenny Gage, inizia sin dalla genesi letteraria. L’opera cinematografica è basata sui libri di Anna Todd, nati come una fan-fiction dedicata al membro degli One Direction Harry Stiles, pubblicati su Wattpad, piattaforma online di narrazione condivisa, After è così diventata ben presto una serie capace di raccogliere 1,5 miliardi di follower.

Quattro libri disponibili in 40 Paesi grazie alla collana Gallery Books di Simon & Schuster, con oltre 1,3 milioni di copie vendute solo in Italia. Un successo letterario incredibile che la Sperling & Kupfer ha pensato di capitalizzare al meglio ripubblicando classici del calibro di Orgoglio e pregiudizio, Anna Karenina e Cime tempestose, in una collana intitolata ‘I classici di After’.

Banalità della trama appurata (né salvata dalle prove attoriali dei protagonisti, non proprio brillanti), il film non si riscatta con nuance sottili nel delineare l’evoluzione dei sentimenti dei personaggi (anche se il risveglio sessuale della protagonista è evidente e tutto sommato ben reso sullo schermo). Piuttosto esso sembra un collage di momenti disparati che conducono in maniera non troppo coerente verso un finale raggiunto in modo ottuso e frettoloso.

Dato per scontato il target di After, il film potrà essere appetibile per i fan della saga in virtù di una buona chimica tra gli attori protagonisti, di scene di intimità delicate e anche ben girate, per quanto fine a se stesse, e di una fotografia morbida che avvolge nelle atmosfere cookie cutter da college americano ed evidenzia ogni singolo palpito e ogni battito di ciglia dei due innamorati.

Le prove degli attori principali non brillano per profondità. Se inizialmente Hero Fiennes Tiffin, anche grazie alle poche battute e all’alone di mistero che circonda (inutilmente) il suo personaggio, indossa con garbo i panni del belloccio problematico, le sue vere capacità attoriali vengono a galla durante i confronti con Josephine Langford, che interpreta Tessa con poca grazia, sgranando spesso gli occhi, con la quale c’è poca sintonia. Intenzione degli autori era di riportare gli spettatori alla loro adolescenza, fatta di dubbi, insicurezze e perplessità riguardo la sfera emotiva e sessuale, ma tra la recitazione e la messa in scena, il risultato cade piatto e monotono. Alla regia Jenny Gage, che nel suo primo docufilm aveva seguito per tre anni due ragazze ed era riuscita a mostrare con sincerità e cuore un periodo tanto delicato quanto importante, stavolta, forse a causa di una sceneggiatura improbabile, non brilla per inventiva, confezionando un prodotto senza nessuna visione d’insieme.

Quello che va sottolineato è che la regista ha preferito affrontare il percorso di crescita dei due protagonisti, piuttosto che la storia d’amore in sé: il punto centrale di After non è quanto sia romantica la storia di Hardin e Tessa, ma quanto il loro incontro sia fondamentale nelle loro vite, quanto li abbia cambiati e come la loro unione sia riuscita a farli crescere. In fondo, quello che succede sempre nella vita reale, quando il primo amore e il primo cuore spezzato ci insegnano a cadere, disperarci ma anche a trovare la forza di andare avanti e crescere un po’ di più.