Bumblebee

Bumblebee è un film del 2018 diretto da Travis Knight, al suo debutto al live action, prequel/spin-off del primo film Transformers.


La pellicola è interpretata da: Hailee Steinfeld, John Cena, Jorge Lendeborg Jr., John Ortiz, Jason Drucker, Pamela Adlon, Stephen Schneider, Christian Hutcherson, Kenneth Choi, Vanessa Ross, Rachel Crow, Peter Cullen, Abby Quinn, Ricardo Hoyos, Grace Dzienny.

Su Cybertron infuria una guerra tra due fazioni avversarie: gli Autobot guidati da Optimus Prime e i Decepticon da Soundwave e Shockwave. Prossimi all’annientamento, gli Autobot fuggono dal pianeta. Uno di essi, B-127, viene incaricato di recarsi sulla Terra per preparare una base segreta che possa accogliere gli Autobot sopravvissuti.

1987: B-127 giunge in California atterrando fra un gruppo di soldati americani i quali lo attaccano. Inseguito, il robot viene intrappolato nei pressi di una miniera quando sul luogo giunge Blitzwing, un Cercatore Decepticon. I due avranno un feroce e violento scontro dal quale B-127, anche se riuscirà ad uccidere Blitzwing, uscirà privo della sua scatola vocale e dei suoi ricordi. Spaventato e ferito assumerà le sembianze di un Maggiolino Volkswagen ed andrà in stasi.

Poco tempo dopo Charlie, una adolescente che ha da poco perso il padre, lo trova in un deposito di rottami. Avendo ella appena compiuto diciotto anni, lo zio (proprietario del deposito) gli regala il mezzo a patto che ella riesca a rimetterlo in funzione. Nel tentativo di accenderlo, Charlie attiva accidentalmente un segnale che raggiunge l’Autobot Cliffjumper sulla luna Titano di Saturno. Il segnale viene captato anche da Shatter e Dropkick, due spie Decepticon che stavano torturando Cliffjumper. Dopo aver triangolato la posizione di B-127, i due assassini uccidono Cliffjumper e fanno rotta per la terra. Nel mentre la manutenzione fornita da Charlie risveglia B-127 il quale stringe amicizia con la ragazza che lo ribattezza Bumblebee.

Giunti in Texas i due Decepticon vengono intercettati dalle forze militari americane alle quali si presentano come poliziotti, sostenendo che Bumblebee sia un pericoloso criminale da loro inseguito. I robot propongono dunque una collaborazione tecnologica al fine di costruire una rete di comunicazione che faciliti la cattura del comune nemico: i militari accettano e li conducono al Settore 7, offrendo loro accesso ai satelliti americani ed alle altre forme di tecnologia di comunicazione. I Decepticon combinano tali tecnologie in un unico sistema: internet.

Nel mentre Bumblebee viene scoperto da Memo, un ragazzo invaghito di Charlie. Dopo avergli fatto giurare di mantenere il segreto, i tre si dirigono ad una scogliera dove dei ragazzi stanno facendo una festa. Uno di loro riconosce Charlie come una campionessa di tuffi e la sfida a lanciarsi in acqua ma la ragazza rifiuta: l’ultima volta che vide il padre in vita fu durante una sua gara e da allora la ragazza ha cessato di praticare tale disciplina. Ciò provoca la derisione da parte di alcune ragazze snob, in particolare tale Tina. Memo propone di vendicarsi con lanci di carta igienica e uova ma Bumblebee, non conoscendo le dinamiche del gioco, esagera spiaccicando l’auto della giovane. I tre fuggono ad alta velocità attirando l’attenzione di una pattuglia della polizia che li insegue: Bumblebee riesce a fuggire facilmente distruggendo il motore dell’auto del poliziotto. Temendo attenzioni da parte della polizia, il giorno successivo Charlie intima a Bumblebee di restare nel garage ma il robot, incuriosito dal cane della famiglia, entra nell’abitazione devastandola e, connettendosi alla rete elettrica, facendo rilevare le sue emissioni di Energon dai Decepticon.

Giunte sul luogo, le forze armate ed i Decepticon riescono a catturare Bumblebee. Poco dopo i due lo torturano in una vicina base aerea e così facendo provocano l’attivazione di un messaggio di Prime il quale rivela il piano di utilizzare la Terra come rifugio per gli Autobot in arrivo. Bumblebee viene dunque colpito apparentemente a morte sotto gli occhi di Charlie e Memo (infiltratisi nel mentre nella base per liberarlo) per poi dirigersi verso una torre di trasmissione: essi vogliono utilizzarla per comunicare agli altri Decepticon di inviare un esercito sulla Terra così da sterminare gli Autobot che sarebbero giunti a breve.

Charlie riesce a rianimare Bumblebee con delle scariche elettriche ed i due si dirigono a loro volta alla torre per fermare i Decepticon, venendo però ostacolati ed inseguiti dai militari. Una volta giunto sul luogo l’Autobot affronta ed uccide i due Decepticon mentre Charlie disattiva il trasmettitore, per poi tuffarsi in acqua al fine di raggiungere Bumblebee, rimasto sommerso nella lotta in un fiume li vicino, vincendo così la propria fobia.

Lasciato il luogo della battaglia, i due amici si dicono addio su una scogliera; poco dopo Bumblebee assimila una Chevrolet Camaro gialla a strisce nere e se ne va via percorrendo il Golden Gate Bridge insieme ad Optimus Prime (travestito da camion). Charlie torna a casa, dove riesce finalmente a completare l’auto alla quale lavorava col padre.

Dopo i titoli di coda Optimus Prime si complimenta con Bumblebee in un bosco ed i due assistono all’arrivo di sette Autobot sul pianeta pronti ad installare una base operativa.

I Transformers tornano finalmente alle loro origini, quelle di un prodotto per ragazzi degli anni 80, con un film piacevolmente vintage che riscrive alcune delle pagine più criticate della saga di Michael Bay, comunque ancora coinvolto come producer.

Avevamo infatti lasciato la serie con la discutibile e discussa rivelazione che Bumblebee fosse in origine un guerriero piuttosto feroce, sulla Terra da molto tempo, tanto da essersi battuto anche contro i nazisti nella Seconda Guerra Mondiale. Chiaramente il disappunto dei fan ha fatto breccia tra gli sceneggiatori e i produttori della serie, così l’arrivo di Bumblebee viene posticipato agli anni 80, facendo di quel flashback in Transformers – L’ultimo cavaliere una sorta di febbricitante sogno di Anthony Hopkins.

Alla regia esordisce nel cinema in live action Travis Knight, figlio del co-fondatore della Nike e vicepresidente dello studio di animazione Laika, per cui aveva diretto il suo primo film in stop motion, il notevolissimo Kubo e la spada magica.

Nul ruolo di Charlie si cimenta Hailee Stanfield, che esordì come la cocciuta bambina di Il grinta dei fratelli Coen, mentre in quello di sua madre troviamo la comica Pamela Adlon, ideatrice e protagonista della comedy tv Better Things. Gli altri nomi prestigiosi del cast, ossia Justin Theroux e Angela Bassett, hanno invece prestato solo le proprie voci ai Decepticon e quindi sono assenti dalla versione doppiata in italiano. Infine il wrestler John Cena veste i divertenti panni di un militare americano tutto d’un pezzo e incazzato, sorta di caricatura del machismo reaganiano che segna una delle più gradite novità della serie, in passato spesso fin troppo vicina alla propaganda militare americana.

Il rapporto tra la ragazza e il suo robot, muto ma che impara a comunicare attraverso la radio, si sviluppa in un prevedibile percorso di formazione, con tanto di compagni della high school piuttosto cattivi, con il blocco da superare verso la sua passione di truffatrice (causato dalla morte del padre), con le prime attenzioni ricevute da un ragazzo e con il tentativo di emancipazione ma pure la necessità di riappacificazione nei rapporti con la madre. Il tutto condito di qualche inseguimento, di una ricca colonna sonora a base di hit degli anni 80 e di una manciata di combattimenti, spettacolari ma senza aver nulla a che fare con le tonitruante e fantasmagoriche battaglie dei capitoli precedenti della serie. Un Transformers insomma più a misura d’uomo, o meglio di ragazzo, come in fondo è giusto che sia per una saga che nasce da un giocattolo di successo e le cui storie sono nate in forma di ingenuo cartone animato.

Tutto buono e giusto, ma la durata di ben 113 minuti risulta eccessiva per un film in fondo così semplice, come se in qualche modo i Transformers non riuscissero a fare un passo indietro dai minutaggi monstre di Michael Bay. Ciò nonostante Hailee Stanfield riesce nell’impresa di fornire la prima interpretazione umanamente convincente di questo franchise.

Lontana dalla comicità slapstick di Shia LaBeouf così come dalle performance muscolari di Mark Wahlberg, la sua recitazione dà corpo a un dramma umano con cui tutti possono empatizzare. Anche i momenti di ironia e meraviglia finiscono così per far parte del percorso di guarigione del personaggio e non sono quindi più uno spettacolo che, per quanto grandioso, era spesso fine a se stesso. Difficile dire dove andrà ora la serie, visto anche che il finale è piuttosto compiuto e non ha bisogno di ulteriori proseguimenti, ma se proprio i Transformers devono andare avanti sarebbe sicuramente meglio che lo facessero ripartendo da qui.

Scheda Tecnica Edizione 4K Ultra HD + Blu-Ray Disc

ProduttoreParamount
DistributoreUniversal
Anno pubblicazione2018
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato videoUltra HD 4K HDR
Formato audio5.1 Dolby Digital: Italiano Francese Spagnolo Portoghese Ceco Ungherese Polacco Russo Tailandese Turco
Dolby TrueHD Atmos: Inglese
SottotitoliItaliano Inglese Inglese NU Arabo Malese Cantonese Mandarino Ceco Danese Olandese Finlandese Francese Greco Hindi Ungherese Olandese Coreano Norvegese Polacco Portoghese Rumeno Russo Slovacco Spagnolo Svedese Turco Tailandese
Tipo confezioneAmaray
Numero dischi2
ExtraTrailer

Scheda Tecnica Edizione Blu-Ray 4K Ultra HD + Blu-Ray Disc – SteelBook

ProduttoreParamount
DistributoreUniversal
Anno pubblicazione2018
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato videoUltra HD 4K HDR 2,40:1 Anamorfico 1080p
Formato audio5.1 Dolby Digital: Italiano Francese Spagnolo Portoghese Ceco Ungherese Polacco Russo Tailandese Turco
Dolby TrueHD Atmos: Inglese
SottotitoliItaliano Inglese Inglese NU Arabo Malese Cantonese Mandarino Ceco Danese Olandese Finlandese Francese Greco Hindi Ungherese Olandese Coreano Norvegese Polacco Portoghese Rumeno Russo Slovacco Spagnolo Svedese Turco Tailandese
Tipo confezioneSteelBook
Numero dischi2
ExtraTrailer

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray Limited Edition – Steelbook

ProduttoreParamount
DistributoreUniversal
Anno pubblicazione2018
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato video1,78:1 Anamorfico 1080p
Formato audio5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Francese Portoghese Spagnolo
Dolby TrueHD Atmos: Inglese
SottotitoliItaliano Inglese Inglese NU Danese Olandese Finlandese Francese Norvegese Portoghese Spagnolo Svedese
Tipo confezioneSteelBook
Numero dischi1
ExtraScene eliminate con commento del regista
Sala degli eroi
Ponte di rivolta
Diventando cadetti
Criminale inaspettato
Livello Jagger successivo
e molto altro ancora!

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray Disc

ProduttoreParamount
DistributoreUniversal
Anno pubblicazione2018
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato video1,78:1 Anamorfico 1080p
Formato audio5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Francese Portoghese Spagnolo
Dolby TrueHD Atmos: Inglese
SottotitoliItaliano Inglese Inglese NU Danese Olandese Finlandese Francese Norvegese Portoghese Spagnolo Svedese
Tipo confezioneAmaray
Numero dischi1
ExtraTrailer

Scheda Tecnica Edizione DVD

ProduttoreParamount
DistributoreUniversal
Anno pubblicazione2018
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato video1,78:1 Anamorfico
Formato audio5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Francese Spagnolo
SottotitoliItaliano Inglese Danese Olandese Finlandese Francese Norvegese Spagnolo Svedese
Tipo confezioneAmaray
Numero dischi1
ExtraTrailer

Scheda Film