Bushwick

Bushwick è un 2017 americano azione thriller diretto da Jonathan Milott e Cary Murnion e scritto da nick damici e Graham Reznick.


La pellicola è interpretata da: Dave Bautista, Christian Navarro, Brittany Snow, Arturo Castro, Jeremie Harris, Jeff Lima, Angelic Zambrana, Jay Hieron, Quincy Chad, Patrick M. Walsh.

Lucy, una studentessa del secondo anno in ingegneria civile, e il suo ragazzo, Jose, stanno uscendo dalla metropolitana a Bushwick (a Brooklyn) dove vedono un uomo che sta sparando nella stazione. Jose corre a vedere cosa sta succedendo, ma viene immediatamente ucciso da un’esplosione. Lucy corre fuori per cercare di trovare aiuto ma viene inseguita da due uomini. La trovano in una casa ma gli uomini vengono uccisi da Stupe, il proprietario della casa. Stupe, un veterano del combattimento, lascia la sua casa per cercare di raggiungere la sua famiglia a Hoboken , Lucy si unisce a lui mentre cerca di raggiungere la casa di sua nonna. Lungo la strada, Stupe viene ferita e allena Lucy in primo soccorso e come sparare con una pistola.

Quando raggiungono la casa della nonna di Lucy, la trovano già morta a causa di un arresto cardiaco. Fuggono mentre i mercenari si infiltrano nella casa e si ritirano da Belinda, la sorella di Lucy. Drogato, Belinda non si rende conto di cosa sta succedendo fino a quando un mercenario irrompe in casa. Stupe sottomette il soldato e gli chiede di sparare per spiegare cosa sta succedendo. Il mercenario rivela che il Texas si sta separando dagli Stati Uniti e ha collaborato con altri stati del Sud per formare una milizia e infiltrarsi nelle aree degli Stati Uniti, tra cui Bushwick, per l’insurrezione, ma non si aspettava la resistenza armata del vicinato. Stupe convince il mercenario a rivelare la DMZ, dove l’esercito americano sta estraendo non combattenti: Grover Cleveland Park. Stupe mette fuori combattimento il mercenario e il trio inizia a farsi strada verso il parco.

Lungo la strada incontrano James e sua madre nel loro edificio. La madre di James chiede a Stupe e Lucy di andare nella chiesa locale dove si nascondono gli sfollati e convincere il parroco ad incontrarsi in una lavanderia locale per armare tutti a combattere mentre si dirigono verso la DMZ. James e sua madre mantengono Belinda per assicurarsi che Stupe e Lucy si conformino. Stupe e Lucy arrivano in chiesa, ma quando trovano il prete, si spara. Lucy quindi dice a tutti di incontrarsi alla lavanderia a gettoni per ottenere pistole con cui combattere.

Mentre Stupe e Lucy aspettano che James arrivi con Belinda, parlano brevemente delle loro vite prima della guerra, con Stupe che rivela che la sua famiglia era effettivamente morta durante gli attacchi dell’11 settembre e aveva detto a Lucy che sarebbe andato a Hoboken solo per cercare di ottenere liberarsene, ma è felice che sia rimasta con lui. Mentre Stupe si dirige in bagno, viene sparato e ucciso per errore da un adolescente spaventato che si nasconde all’interno. James arriva con Belinda e si dirigono verso l’attacco.

Raggiungono la DMZ, ma sono pesantemente sorvegliati dai mercenari. Mentre la resistenza combatte, Lucy e Belinda si uniscono e corrono verso gli elicotteri. Belinda viene colpita a una gamba e Lucy le corre incontro. Mentre Lucy cerca di trascinare Belinda, viene colpita alla testa e muore. Belinda piange inorridita mentre i membri della resistenza la portano agli elicotteri. L’ultimo colpo di fumo mostra che anche il resto della città di New York è stato attaccato.

Questo survival movie metropolitano non fa sconti in termini di violenza, inquadrando in primo piano dita mozzate e ferite aperte da schegge di vetro, mentre l’angoscia cresce e il coinvolgimento emotivo diventa palpitante. Merito, soprattutto, di una scelta di messa in quadro che adotta il piano-sequenza come cifra del panico: Lucy e il suo corpulento neo-amico Stupe (il wrestler Dave Bautista, sempre più lontano dal ring e usato da Hollywood per ruoli muscolari) corrono e riposano, ripartono e rinculano, pedinati da una macchina da presa incessantemente in linea con il loro affanno. Ad eccezione del citato prologo e dell’epilogo notturno (l’azione si sviluppa nelle 24 ore) il campo visivo è ridotto a quello dei protagonisti, per cui lo spettatore non gode mai della conoscenza di un “piano generale”, né di quella degli avvenimenti a due isolati di distanza. Tutto è qui, è ora, in un presente teso e disperato dove uomini e donne sono la carne da macello di un conflitto nonsense.

L’ultima notazione che è necessario fare è quella che ha a che fare con l’attualità politica: nel momento in cui ci viene detto che il terrorismo che si è scatenato è interno al paese stesso e che il Texas vuole una secessione per una riedizione dell’idea del suprematismo bianco, ecco che viene inevitabile vedere in questa nuova guerra civile lo scontro finale tra l’America trumpiana e quella dell’integrazione. Un conflitto che nella realtà si è aperto ufficialmente da pochi mesi e che speriamo non arrivi a degenerare nel modo in cui si vede in Bushwick. Ma la grandezza del cinema americano la si trova come sempre in questo: nell’immaginare presenti distopici in cui si rischia costantemente di cadere.

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray

Produttore Leone Film Group
Distributore Eagle Pictures
Anno pubblicazione 2018
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 DTS HD: Italiano Inglese
Sottotitoli Italiano
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra N.D.

Scheda Tecnica Edizione DVD

Produttore Leone Film Group
Distributore Eagle Pictures
Anno pubblicazione 2018
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,35:1 Anamorfico
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese
5.1 DTS: Italiano
Sottotitoli Italiano
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra N.D.

Scheda Film