CONDIVIDI
Che cosa aspettarsi quando si aspetta

Che cosa aspettarsi quando si aspetta (What to Expect When You’re Expecting) è un film del 2012 diretto da Kirk Jones, adattamento cinematografico dell’omonima guida best seller scritta da Heidi Murkoff e Sharon Mazel.


La pellicola è interpretata da: Cameron Diaz, Jennifer Lopez, Elizabeth Banks, Chace Crawford, Brooklyn Decker, Ben Falcone, Anna Kendrick, Matthew Morrison, Dennis Quaid, Chris Rock, Rodrigo Santoro, Rebel Wilson, Genesis Rodriguez, Wendi McLendon-Covey.

Le vite di cinque coppie sono rivoluzionate dall’arrivo di un figlio: Jules ed Evan sono due celebrità televisive e devono far fronte ai cambiamenti inaspettati ai quali stanno andando incontro, cercando dei compromessi con le loro carriere sul piccolo schermo. Una fanatica dei libri di self-help sulla gravidanza, Wendy, si ritrova a vivere sulla sua pelle (e con i suoi ormoni in piena attività) gli effetti della dolce attesa, mentre la giovanissima e biondissima Skyler, nuova compagna di suo suocero, vive una gravidanza assolutamente perfetta. Una grintosa fotoreporter, Holly, si prepara a girare il mondo per cercare un bambino da adottare, ma suo marito non approva pienamente questa scelta, e per cercare di dominare l’ansia si ritrova ad entrare a far parte di un gruppo di aiuto per ‘papà disperati’. Un problema ancora più spinoso inoltre, riguarda due rivali in affari, Rosie e Marco.

La pressoché totale assenza dell’alchimia capace di dare sapore alla pietanza è dovuta principalmente all’adattamento del best seller di Heidi Murkoff: la sceneggiatura tratteggia in maniera superficiale personaggi e situazioni, e peggio ancora non tralascia di cospargere molte scene di pesante retorica buonista, come nell’episodio riguardante il problema dell’adozione che vede protagonisti gli imbambolati Jennifer Lopez e Rodrigo Santoro. Le differenti problematiche riguardanti il periodo della gravidanza vengono raccontate in maniera piuttosto banale, sia nei pochissimi momenti seri sia quando si vorrebbe cercare di far ridere il pubblico. Le vicende riguardanti le varie coppie sono legate da un filo narrativo sottilissimo, e questo non sarebbe neppure un ostacolo insormontabile se il senso specifico dell’operazione fosse stato delineato con lucidità. La sensazione sgradevole è che invece si sia adoperata la tematica per costruire una serie di situazioni e scenette da commedia senza avere un quadro totale di cosa si stava realizzando. Jones mette in scena il tutto con poca convinzione, puntando su una confezione stereotipata e così in grado di abbracciare il pubblico più ampio. Alcuni guizzi di regia e una sana “cattiveria” nella messa in scena di almeno un paio di momenti sarebbero stati un notevole tonico per il film.

Se Che cosa aspettarsi quando si aspetta non risulta una totale delusione è dovuto al fatto che, in mezzo a un cast di attori in cui non tutti sembrano sapere bene come si fa commedia, quelli che invece sono capaci a gestire il genere spiccano per bravura ed efficacia. Stiamo parlando di Chris Rock, che si riserva una particina piccola ma esilarante, e della troppo sottovalutata Elizabeth Banks, vera e propria mattatrice del lungometraggio con la sua vena comica sfrontata e umana. Male, malissimo Cameron Diaz, oltretutto pesantemente ritoccata al computer nei primi piani. Perché non concedersi il lusso di un fascino debitore del tempo che passa? Stranamente poco incisiva anche Anna Kendrick, di solito convincente quando si confronta con la commedia dolceamara.

Sfruttando la scia dei prodotti corali come La verità è che non gli piaci abbastanza o Appuntamento con l’amore, questa nuova commedia si rivela assemblata con scarsa ispirazione, e la professionalità di alcuni consumati caratteristi non riesce a salvare del tutto il prodotto dal peggiore dei difetti quando si tratta di cinema leggero: la prevedibilità.

Il messaggio del film è chiarissimo: l’unica maniera per lasciare qualcosa dietro di sé è avere un figlio. Vero, ma esistono altri modi per farsi ricordare, e soprattutto esistono altri legami.

Esiste, da ultima, la realtà: quella delle donne che non hanno il minimo istinto materno e degli uomini che non si assumono le proprie responsabilità.

Esistono anche loro, ma questo è un altro film. Non necessariamente di Mike Leigh o Ken Loach.

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray

ProduttoreUniversal
DistributoreCecchi Gori HV
Anno pubblicazione2017
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato video2,35:1 Anamorfico 1080p
Formato audio5.1 DTS: Italiano Spagnolo Portoghese Tedesco
5.1 DTS HD: Inglese
SottotitoliInglese Tedesco Italiano Spagnolo Spagnolo Portoghese
Tipo confezioneAmaray
Numero dischi1
ExtraTipi svitati
Cosa aspettarsi e la Bibbia della gravidanza
Scene eliminate

Scheda Tecnica Edizione DVD

ProduttoreUniversal
DistributoreCecchi Gori HV
Anno pubblicazione2017
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato video2,35:1 Anamorfico
Formato audio5.1 Dolby Digital: Inglese Italiano Tedesco Spagnolo
SottotitoliInglese Tedesco Italiano Spagnolo
Tipo confezioneAmaray
Numero dischi1
ExtraN.D.

Scheda Film