Codice Unlocked

Codice Unlocked (Unlocked) è un film del 2017 diretto da Michael Apted ed interpretato da: Noomi Rapace, Orlando Bloom, Michael Douglas, John Malkovich, Toni Collette, Matthew Marsh, Brian Caspe, Philip Brodie, Lee Nicholas Harris, Jessica Boone, Paul Blackwell, Akshay Kumar, Raffaello Degruttola, Makram Khoury, Michael Epp, Aymen Hamdouchi, David Bowles, Stewart Moore, Kevin Shen, Kendrick Ong, Adam Horton, Rami Nasr, Emilio Aniba, Begum Burian, Helena Dvoráková.


Codice Unlocked racconta la storia dell’agente della CIA Alice Racine (Noomi Rapace). Durante un interrogatorio serrato, riesce a estorcere al prigioniero, un corriere che lavora per una cellula terroristica, preziose informazioni riguardo un imminente attacco a un obiettivo americano nel Regno Unito. Solo dopo aver riferito i delicati risultati dell’interrogatorio a Frank Sutter, uno dei responsabili dell’operazione, si rende conto di aver commesso un errore madornale: se Sutter è una talpa come crede, si è resa involontariamente complice dei terroristi fornendogli le informazioni necessarie a realizzare l’attentato. A questo punto per Alice inizia una corsa contro il tempo, lei è la sola che può fermare l’attacco biologico che sta per colpire Londra. Il film vanta un cast stellare composto da: Orlando Bloom, che interpreta il veterano di guerra Jack Alcott, Michael Douglas, nel ruolo del mentore di Alice Eric Lash, Toni Collette, l’agente MI5 Emily Knowles e John Malkovich in veste di direttore delle operazioni europee della CIA.

Ideato nel 2006, scritto immediatamente dopo, finito nella black list del 2008, riveduto e corretto, capitato nelle facoltose mani di Lorenzo Di Bonaventura e affidato al talentuoso Michael Apted (a cui dobbiamo Gorky Park, uno dei migliori thriller di sempre), Codice Unlocked è uno di quei film che il passaggio del tempo, il corso degli eventi, la storia degli attacchi terroristici e l’avvento e lo sviluppo di serie televisive sempre più intelligenti e sofisticate non hanno avvantaggiato e che, probabilmente, dieci anni fa sarebbe stato magari non all’avanguardia, ma comunque più insolito, se non altro perché all’epoca la saga di Jason Bourne aveva sfornato solamente i suoi primi due capitoli e di corse sfrenate fra strade e piazze o in bui anfratti e appartamenti che sanno di chiuso ne avevamo visti un numero limitato.

Dopo aver sovvertito ogni genere a predominanza maschile – space opera, dramma nel mondo della boxe, ecc. – sostituendo con un’eroina il consueto maschietto, era tempo che anche l’action di spionaggio e servizi segreti avesse il suo Ethan Hunt o Mike Banning in gonnella. Specie ora che il sottogenere vive una seconda vita alimentata dall’attualità, desiderosa di nuovi Invasion U.S.A. riveduti e corretti per l’era di Trump.

Noomi Rapace, volto per cui Hollywood non ha sin qui trovato una destinazione certa, si dimostra un’ottima scelta, credibile sia quando si tratta di passare alle mani che quando occorre sfoggiare doti deduttive.

Seconda solo all’altra donna forte di Codice Unlocked, una Toni Collette perfetta nei panni di un’agente dell’MI5. Ma le sorprese del film di Michael Apted non finiscono qui. La produzione britannica è riuscita infatti ad assemblare un cast prestigioso e ricco di star, con John Malkovich come improbabile capo della CIA, talmente sopra le righe da muoversi nel territorio dell’autoparodia, quasi recitasse in un film a sé. Ma la sua nota di estraneità è uno degli elementi più caratteristici e meritevoli del film di Apted, che sembra rinunciare a prendersi completamente sul serio, sullo stile dell’Antoine Fuqua di Attacco al potere.

Se la presenza di Malkovich obbliga a ripensare l’esperienza di visione di Codice Unlocked, Michael Douglas e Orlando Bloom gigioneggiano e basta: il secondo in particolare, appesantito e costantemente fuori posto, arricchisce la propria caratterizzazione con un risibile accento cockney. Sul piano delle sequenze action la suspense è alquanto deficitaria: ad eccezione dell’epilogo – dalla scena allo stadio in avanti – si susseguono sparatorie prive di pathos e di intuizioni significative, basate solo sul dinamismo di Rapace. La sequela di doppi e tripli giochi del plot, infine, è destinata a stupire solo i meno smaliziati.

In sostanza il mondo non sentiva, con ogni probabilità, la necessità di Codice Unlocked. Ma può un film del tutto superfluo risultare comunque guardabile, quando non gradevole, in termini di intrattenimento? Se confezionato da Michael Apted e affidato a un cast di grido sì, almeno a tratti. Il sequel, a meno di una catastrofe al botteghino, ha tutta l’aria di essere inevitabile.

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray

ProduttoreNotorius Pictures
DistributoreRai Cinema
Anno pubblicazione2017
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato video2,35:1 Anamorfico 1080p
Formato audio5.1 DTS HD: Italiano Inglese
SottotitoliItaliano N.U.
Tipo confezioneAmaray
Numero dischi1
ExtraN.D.

Scheda Tecnica Edizione DVD

ProduttoreNotorius Pictures
DistributoreRai Cinema
Anno pubblicazione2017
Area2 – Europa/Giappone
CodificaPAL
Formato video2,35:1 Anamorfico
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese
SottotitoliItaliano N.U.
Tipo confezioneAmaray
Numero dischi1
ExtraN.d.

Scheda Film