Halloween

Halloween è un film del 2018 co-scritto e diretto da David Gordon Green ed interpretato da: Jamie Lee Curtis, Judy Greer, Will Patton, Haluk Bilginer, Virginia Gardner, Andi Matichak, James Jude Courtney, Rhian Rees, Dylan Arnold, Drew Scheid, Jibrail Nantambu, Michael ‘Mick’ Harrity, Matthew R. Anderson, Diva Tyler, Brien Gregorie, Vince Mattis, Omar J. Dorsey, Pedro Lopez, Charlie Benton, Christopher Allen Nelson, Teresa Johnson, Jonathan Bruce, Charlie Donadio, Stephanie Butts, Davol Garrett, Michael Smallwood, Carmela McNeal, Miguel Macario Mata, Kurt Deimer, Chris Holloway, Roger Antonio, Nick Castle, Toby Huss, Miles Robbins, Jefferson Hall.


Quarant’anni dopo gli omicidi del 1978 a Haddonfield (Illinois, Stati Uniti), i giornalisti Aaron Korey e Dana Haines si recano allo Smith’s Grove Sanitarium per conoscere Michael Myers, che venne catturato dopo essere stato ferito da sei colpi di pistola, cadendo giù dal balcone.

Il dott. Ranbir Sartain li informa che Michael è in grado di parlare, ma ha scelto di non farlo. Aaron non riesce a convincere Michael a parlare, anche dopo aver tirato fuori la maschera che indossava.

Aaron e Dana si dirigono poi alla casa pesantemente sorvegliata di Laurie Strode per intervistarla, poiché è l’unica sopravvissuta di quella carneficina. Ha trascorso gli ultimi quarant’anni per prepararsi al ritorno di Michael. Da allora Laurie ha avuto due matrimoni falliti ed ha persino perso la custodia di sua figlia Karen. Aaron e Dana intendono fare luce su quanto successo quella notte maledetta e le chiedono di andare con loro nel tentativo finale di far parlare Michael prima che lo trasferiscano in un carcere di massima sicurezza. Laurie si rifiuta e li manda via, pur avendo preso i soldi dell’intervista.

Mentre i detenuti vengono fatti salire sull’autobus, il dott. Sartain insiste sul fatto che Michael continuerà ad essere suo paziente fino all’assegnazione di un nuovo medico. Più tardi il bus ha un incidente: le guardie di custodia rimangono uccise e i pazienti si disperdono per la strada, compreso Michael stesso, che uccide i proprietari di un’auto per garantirsi la fuga. La mattina seguente, il giorno di Halloween, Michael trova Dana e Aaron in una stazione di servizio, li uccide e prende la sua maschera dalla loro macchina prima di tornare a Haddonfield. Laurie viene a conoscenza dell’evasione di Michael e irrompe nella casa dove risiede la figlia Karen, abitazione la cui sicurezza è molto scarsa.

La notte di Halloween, Michael vaga per le strade della sua città natale e uccide diverse persone nelle rispettive abitazioni. Allyson, la figlia di Karen, sorprende il suo fidanzato che la sta tradendo con un’altra donna. Gli amici di Allyson, Vicky e il suo fidanzato Dave, vengono uccisi da Michael. Il ragazzino a cui Vicky stava facendo da babysitter, Julian, scappa e chiama la polizia mentre l’Uomo Nero sta ancora massacrando i malcapitati. Laurie, che sta pattugliando le strade col suo pick-up, intercetta il messaggio di segnalazione di una lite domestica sulla frequenza trasmittente della polizia e si precipita sul luogo del delitto, dove lo sceriffo Frank Hawkins, che già aveva arrestato Michael nel 1978, trova i corpi di Vicky e Dave. Laurie scorge Michael nel cortile e gli spara, colpendolo e facendolo ritirare.

Intanto anche Oscar, un amico di Allyson, finisce per essere ucciso dallo spietato assassino. Allyson rinviene il corpo infilzato sulle sbarre di un cancello e subito dopo corre a cercare aiuto. Viene poi raccolta da Hawkins e dal Dr. Sartain che la fanno salire in macchina. Laurie, Karen e Ray arrivano nel frattempo a casa. I tre in auto vedono l’uomo nero passeggiare in un vialetto e lo investono. Hawkins scende dalla volante per finirlo, ma Sartain pugnala l’agente alla gola, uccidendolo. Infatti, quest’ultimo crede che la mente di Michael debba essere studiata accuratamente in un ambiente non controllato, affinché possa convincerlo a farlo parlare. Lo carica in macchina a fianco di Allyson e guida verso casa di Laurie. La ragazza per ingannare il dottore gli dice che Michael le ha parlato e che gli riferirà ciò che le ha proferito a patto che la lasci andare. Michael però riprende conoscenza e scaraventa Sartain fuori dal veicolo, dandogli il colpo di grazia un attimo dopo. Allyson fugge e si dirige a casa della nonna. Anche Michael si dirige verso l’abitazione di Laurie, uccidendo due poliziotti sul percorso. Ray, convinto che fosse arrivata una volante, esce di casa e apre la portiera. Tuttavia, trova i corpi dei due agenti precedenti e viene strangolato da Michael. Laurie nota Michael fuori, quindi barrica la porta e ordina alla figlia di nascondersi nel seminterrato.

Michael rompe il vetro della porta e tenta di spezzarle il collo, ma lei gli spara colpendolo alle dita. Inizia il combattimento nelle varie stanze dell’edificio, finché Michael la agguanta e la getta dal balcone. Allyson intanto, giunge a casa ed entra nel seminterrato insieme alla madre, distraendo Michael per pochi secondi. Quando si gira, Laurie è scomparsa. L’assassino intuisce l’ingresso segreto e si sporge, beccandosi però una fucilata. Un attimo dopo spunta Laurie che lo accoltella da dietro, facendolo cadere per le scale dello scantinato. Allyson e Karen si precipitano a salire velocemente ma Michael si rialza e afferra la caviglia di quest’ultima che viene liberata dalla figlia, ferendolo con un coltello. Attivano così un marchingegno che lo intrappola e azionano un interruttore che sprigiona gas. Laurie lascia cadere un bengala che incendia a poco a poco lo stabile. Le tre donne scappano e fanno l’autostop. Viene mostrata un’ultima scena del seminterrato in fiamme, con Michael che non si riesce più a intravedere.

Sono trascorsi 40 anni anche dal primo Halloween, quello scritto e diretto da John Carpenter: in mezzo alcune brutte copie la cui esistenza questo ultimo sequel cerca sostanzialmente di ignorare.

È come se davvero non ci fosse stato nulla fra il film originale e quello con cui David Gordon Green, con la produzione esecutiva e la consulenza creativa di Carpenter e il sostegno della Blumhouse Productions, cerca di riannodare le fila della storia di Laurie e Michael. Perché Green sceglie esplicitamente di inquadrare questo capitolo come una perversa love story fra due individui – un uomo e una donna – uniti da un legame indissolubile, e dunque ostaggi l’uno dell’altra. Questa scelta porta il regista ad allontanarsi dal genere horror nella sua accezione più classica e ad avvicinarsi al (melo)dramma d’autore: dunque meno scene “di paura”, meno modi creativi e originali di fare a pezzi il prossimo, e meno ironia condita di riferimenti alla cultura pop.

La scelta di fare di Halloween un film d’autore influisce anche sulla caratterizzazione dei personaggi: fra le vittime predestinate ci sono i consueti ragazzini petulanti, arrapati e viziosi, ma anche uno psicanalista che ha assorbito l’ossessione del suo paziente più celebre e due giornalisti inglesi abituati a fare audience sulle disgrazie altrui.

Green si accoda inoltre al trend contemporaneo secondo cui le donne del grande schermo devono dimostrarsi più forti e più astute degli uomini. Jamie Lee Curtis, anche lei produttrice esecutiva, riprende il ruolo di Laurie Strode facendone un’icona femminista intenta a trasmettere la sua forza (e la sua incazzatura) a figlia e nipote, ovvero due generazioni di donne dopo la sua, e poco importa che la sua ossessione l’abbia resa una “madre inadatta” agorafobica e avvinazzata: Laurie è comunque un modello di resilienza e di rifiuto del ruolo di vittima. Al suo confronto Michael Myers è uno psicopatico vintage che si aggira ancora con un coltello da cucina, e che in confronto a certi mostri contemporanei sembra davvero un figurante da festa mascherata.

C’è anche qualcosa di reazionario nell’atteggiamento di Laurie, secondo cui armarsi fino ai denti è sempre una buona idea, così come barricarsi in casa dietro ad un muro che tiene tutti lontani. E il messaggio secondo cui chi sembra paranoico è in realtà lungimirante ed avveduto è di questi tempi condiviso da molta politica internazionale, per cui il mondo è “un luogo oscuro e cattivo” dove “c’è solo una cosa da fare: dare la caccia a qualcuno”, e le armi da fuoco sono “precisione e potere d’arresto”.

Scheda Tecnica Edizione 4K Ultra HD + Blu-Ray Disc

Produttore Universal
Distributore Universal
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video Ultra HD 4K HDR
Formato audio 5.1 DTS: Italiano
DTS X: Inglese Tedesco
Sottotitoli Italiano Inglese Nu Tedesco Turco
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 2
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray Limited Edition – Steelbook

Produttore Universal
Distributore Universal
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 DTS: Italiano Spagnolo Francese
DTS X: Inglese
Sottotitoli Italiano Inglese NU Arabo Spagnolo Danese Olandese Finlandese Francese Portoghese Islandese Norvegese Svedese
Tipo confezione SteelBook
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray Disc

Produttore Universal
Distributore Universal
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 DTS: Italiano Spagnolo Francese
DTS X: Inglese
Sottotitoli Italiano Inglese NU Arabo Spagnolo Danese Olandese Finlandese Francese Portoghese Islandese Norvegese Svedese
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione DVD

Produttore Universal
Distributore Universal
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,40:1 Anamorfico
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Tedesco
Sottotitoli Italiano Inglese NU Tedesco Turco Islandese
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Film