Replicas

Replicas è un film fantascientifico del 2018 diretto da Jeffrey Nachmanoff, e scritto da Chad St. John, tratto da un racconto di Stephen Hamel. Il cast è composto da: Keanu Reeves, Alice Eve, Thomas Middleditch, John Ortiz, Emily Alyn Lind, Emjay Anthony, Nyasha Hatendi, Amber Townsend, Aria Lyric Leabu, Amber Rivera.


William Foster e Ed Whittle sono ricercatori biomedici che lavorano per la Bionyne Corporation a Puerto Rico, nel tentativo di trasferire la mente di un soldato morto in un androide con forza sovrumana, nome in codice Soggetto 345.

Foster è specializzato in biologia sintetica e nella mappatura dei percorsi neurali della mente, mentre la specialità di Whittle è la clonazione umana. Foster cattura con successo la mappa neurale del soldato e la trasferisce nel cervello sintetico dell’androide, ma l’esperimento fallisce quando il soldato si ribella al proprio corpo androide e lo distrugge, uccidendosi nuovamente. Jones, il boss di Foster, lo avverte che se non riesce a far funzionare il soggetto 345, gli azionisti dell’azienda chiuderanno il progetto.

Foster parte con sua moglie Mona e i suoi tre figli Sophie, Matt e Zoe, per un viaggio in barca, ma rimangono coinvolti in un incidente d’auto e muoiono tutti tranne William che, deciso a resuscitare la sua famiglia, convince Ed a portargli le attrezzature Bionyne necessarie per estrarre le mappe neurali della sua famiglia e clonare i corpi sostitutivi per loro. Estrae con successo le loro mappe neurali e dice a Whittle di smaltire i corpi, ma si presenta il primo grande ostacolo del suo piano: sono disponibili solo tre capsule di clonazione, costringendolo a scegliere una persona della famiglia da sacrificare. Sceglie Zoe, la più giovane, e cancella la sua memoria dalle mappe neurali delle altre tre. Whittle inizia il ciclo di diciassette giorni necessario per creare cloni sostitutivi maturi per la famiglia di Foster, e gli dice che ha solo quel tempo per risolvere il problema dell’integrazione delle mappe neurali nei corpi clonati, altrimenti cominceranno a deteriorarsi con l’invecchiamento ad un ritmo anormalmente veloce. L’integrazione della mente in un clone biologico è stata la seconda fase del progetto di ricerca, da risolvere dopo il trasferimento androide. Foster è costretto a mantenere questo segreto, dal momento che lui e Whittle hanno rubato milioni di dollari di apparecchiature Bionyne e sono andati contro la bioetica. William passa i diciassette giorni a rimuovere le prove dell’esistenza di Zoe dalla sua casa e a racconto storie su una malattia per spiegare l’assenza della sua famiglia dal lavoro, dalla scuola e dai social media.

Quando Foster si accorge che il sistema nervoso centrale della moglie reagisce al suo tocco, si rende conto che il soggetto 345 ha fallito perché la mente si aspetta una connessione a un corpo biologico con battito cardiaco e respirazione, piuttosto che a uno sintetico. Egli sa ora che il trasferimento nei cloni non sarà un problema, e il fallimento del trasferimento androide può essere risolto programmando un’interfaccia mente-corpo simulata per far apparire il corpo androide biologico. Egli trasferisce con successo le menti dei suoi cari nei corpi clonati, poi torna a lavorare creando un’interfaccia mente-corpo sintetica. Quando il prossimo corpo morto che riceve ha subito troppi danni cerebrali per essere vitale, Foster ricorre alla registrazione della propria mente per il trasferimento androide. Nel frattempo, Sophie ha un incubo della morte di sua madre, Foster prende Sophie cancellando l’evento dalla sua memoria ma Mona lo scopre. A questo punto egli le confessa che sono morti in un incidente d’auto e che li ha resuscitati. La famiglia scopre presto le prove dell’esistenza di Zoe, e ammette che non è riuscito a salvare Zoe e ha cancellato i ricordi di lei dalla loro mente.

Jones affronta Foster e rivela che egli è consapevole di ciò che Foster e Whittle hanno fatto. Gli racconta che la ricerca non è in realtà destinato a scopi medici, ma è stato finanziato dal governo per fornire un’arma militare, e che la famiglia di Foster è una cosa in sospeso da eliminare. Foster distrugge l’interfaccia mente-corpo, mette al tappeto Jones, e fugge, cercando di fuggire in barca. Gli scagnozzi di Jones catturano la famiglia di Foster. William li insegue fino alla Bionyne, dove è chiaro che Whittle li ha venduti. Jones uccide Whittle e costringe Foster a finire il soggetto 345. Foster carica la propria mente nel soggetto 345, che uccide gli scagnozzi e ferisce mortalmente Jones. I due Foster fanno un accordo con Jones: può vivere in un corpo clonato e diventare ricco lavorando con Foster-345, vendendo cloni a persone facoltose in cerca di una seconda vita. Nel frattempo, Foster è in grado di ritirarsi in pace con la sua famiglia, compresa la nuova clonata Zoe.

Presentato in pompa magna al Toronto International Film Festival 2018, Replicas narra dello stupefacente e miracoloso esperimento progettato e messo in atto dal dottor Will Foster (Keanu Reeves), neuroscienziato capace di trasferire la mente e la personalità di individui deceduti all’interno di corpi robotici appositamente progettati. Quando la giovane moglie Mona (Alice Eve) e i tre amati figlioletti (Emily Alyn Lind, Emajay Anthony e Aria Lyric Leabu) muoiono in seguito a un tragico incidente automobilistico, l’uomo decide di buttare bellamente all’aria ogni remora e implicazione morale, scegliendo di utilizzare la tecnologia da lui stesso progettata per trasferire la coscienza degli amati cari deceduti all’interno di cloni coltivati ad hoc. C’è solo un piccolissimo ma fondamentale problema: il procedimento permette di agire solo su tre organismi, obbligando Will a scegliere con estremo dolore chi dover sacrificare all’oblio eterno. Quando nel 2014 la turbolenta e vendicativa coscienza di Johnny Depp veniva salvata in extremis dalla morte per essere digitalizzata in Transcendence, la tematica del transumanesimo digitale era già storia vecchia, mentre, qualche anno prima, col suo piglio decisamente indie, Womb aveva gettato una luce intima ed esistenzialista sulle questioni morali legate ai limiti estremi della clonazione post mortem. Pensare a Replicas come a una sorta di mash-up fra la pellicola di Pfister e quella di Fliegauf sarebbe tuttavia come cercare del filosofico nella pubblicità dei Pavesini.

Quasi nessuno riesce a inventarsi qualcosa di nuovo, ma c’è modo e modo di rivisitare e affrontare tematiche classiche, non si può certo sperare sul fatto che il pubblico non abbia mai visto un film di fantascienza o anche un qualche telegiornale … Senza scomodare i recenti – e autoriali – Annientamento, Ex Machina e Arrival, qui ci troviamo davanti a un’opera che avrebbe forse potuto stupire se uscita ai tempi del già citato film con Will Smith o di Minority Report, e che anche allora non sarebbe sicuramente uscito a testa alta.

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray

Produttore Notorius Pictures
Distributore Koch Media
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 DTS HD: Italiano Inglese
Sottotitoli Italiano
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione DVD

Produttore Notorius Pictures
Distributore Koch Media
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,35:1 Anamorfico
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese
5.1 DTS: Italiano
Sottotitoli Italiano
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Film