Seven

Seven, talvolta reso graficamente come Se7en, è un film del 1995 diretto da David Fincher e interpretato da: Brad Pitt, Morgan Freeman, Kevin Spacey, Gwyneth Paltrow, John C. McGinley, Mark Boone Junior.


Il detective William Somerset è un saggio e anziano poliziotto, disilluso ed esasperato dal tasso di violenza e degradazione sempre più in crescita nella città in cui vive.

Somerset, a cui manca una settimana per andare in pensione, viene affiancato dal giovane impulsivo e istintivo David Mills, destinato a sostituirlo.

Tra i due, per le differenze profonde di carattere, all’inizio non corre buon sangue. Quando i due detective sono chiamati sulla scena di un efferato delitto, che ha come vittima un obeso che è stato costretto a mangiare oltre misura fino alla morte, Somerset dalle caratteristiche del delitto intuisce di trovarsi di fronte a un caso fuori dall’ordinario e vorrebbe rinunciare ad occuparsene.

Il giorno seguente l’avvocato Eli Gould, noto per aver difeso criminali e truffatori d’ogni genere, viene ritrovato morto e mutilato all’interno del suo studio. A causa della riluttanza di Somerset a condurre il caso, l’esame della scena del crimine viene così affidato a David che sul pavimento rileva la parola “avarizia”, scritta con il sangue. Non sembrano esserci collegamenti tra i due delitti, ma Somerset è convinto che l’assassino sia lo stesso e che continuerà a uccidere. Tornato così nuovamente sul luogo del primo delitto scopre dietro a un frigorifero la scritta “gola”, scritta questa volta con il grasso. A quel punto Somerset deduce che l’assassino sta punendo con la morte i colpevoli dei sette vizi capitali, i quali oltre a gola ed avarizia, contano accidia, invidia, superbia, ira e lussuria.

In seguito, Somerset viene invitato a cena da Tracy, la moglie del giovane detective, che vuole far riconciliare i colleghi. I due, analizzando le foto dell’omicidio di Eli Gould, ne trovano una che ritrae sua moglie con gli occhi cerchiati col sangue come a indicare che ha visto qualcosa o, meglio, che non ha ancora visto qualcosa che dovrebbe vedere. Dopo averla incontrata ed averle mostrato le foto, la donna nota che sul luogo del delitto uno dei dipinti è stato appeso al contrario. Dietro il quadro trovano delle impronte digitali: corrispondono a Victor, un degenerato spacciatore accusato di diversi crimini e per questo più volte arrestato e incriminato. I detective quindi, credendo che si tratti del colpevole dei precedenti omicidi, si recano nell’appartamento di Victor, scoprendo che l’uomo in realtà è stato ridotto ad uno scheletro per essere stato nutrito al minimo e costretto all’immobilità in un letto per un intero anno e quindi è ormai in fin di vita. Sopra il letto compare in grande la scritta dell’assassino che lo accusa di “accidia”.

Dopo aver contattato un agente dell’FBI, Somerset ottiene illegalmente una lista riservata di persone che hanno preso in prestito dalle varie biblioteche libri sui peccati capitali, sulle opere riguardanti Paradiso, Purgatorio e Inferno, sull’espiazione stessa dei peccati; dalla lista emerge il nome di un certo John Doe. Mentre i due detective bussano invano alla porta di casa del sospetto assassino arriva un individuo che alla vista dei due, tira fuori una pistola e tenta di ucciderli. I due rincorrono l’uomo ma Somerset non riesce a stargli dietro a differenza di Mills che, dopo un lungo inseguimento viene colpito a tradimento dall’assassino che, dopo avergli puntato la pistola alla tempia, lo risparmia e va via.

Dopo il fallito inseguimento Somerset e David entrano nell’appartamento trovando diverse foto che ritraggono le sue vittime, tra le quali spicca una donna dai capelli biondi. Mentre indagano su dove possa essersi nascosto John Doe, David e Somerset ricevono la notizia di un’ulteriore delitto: la donna dai capelli biondi, una prostituta che è morta dopo un rapporto sessuale con un uomo che è stato costretto a violentarla indossando uno strumento lacerante; sulla porta della stanza vi è incisa infatti la scritta lussuria. Dopo le dichiarazioni dell’uomo quasi impazzito per essere stato costretto da John Doe a violentare e uccidere la donna, il giorno seguente una modella che si è occupata maniacalmente del proprio aspetto esteriore, viene ritrovata morta, con il volto mutilato, nel proprio letto sopra il quale è stata scritta la parola superbia, quinto peccato capitale ad essere punito. Affinché il cerchio si chiuda, mancano ormai due peccati capitali, “invidia” e “ira”, e perciò una sesta e una settima vittima.

Inaspettatamente, lo stesso John Doe si consegna alla polizia e poiché è tutto insanguinato si pensa che abbia commesso gli ultimi omicidi. John si dichiara disposto ad indicare il luogo dove si trovano i cadaveri delle vittime a patto che siano Mills e Somerset ad accompagnarlo. Sorvegliati dall’alto da un elicottero della polizia, i tre giungono in un luogo desertico completamente spoglio; in lontananza si vede arrivare un furgone.

Mills rimane a sorvegliare Doe, mentre Somerset ferma il conducente che gli consegna un pacco misterioso: l’anziano detective lo apre con cautela notando macchie di sangue e, dopo aver visto inorridito il contenuto, corre disperatamente verso Mills gridandogli di non ascoltare John Doe e di gettare la pistola. Contemporaneamente Doe sta confessando a Mills di aver invidiato la sua vita familiare con la sua bella moglie, Tracy, con cui ha voluto trascorrere una mattinata “giocando a fare il marito” e alla fine uccidendola e tagliandole la testa che Somerset ha trovato nel pacco.

Il piano del maniaco è ora chiaro: lui, colpevole del peccato di invidia, vuole che Mills lo uccida in preda all’ira, cosicché i sette peccati capitali siano in tal modo compiuti e puniti. Somerset cerca di convincere Mills a non vendicarsi, ma il giovane detective quando viene a sapere dallo stesso assassino che la moglie era incinta allora, in preda ad una irrefrenabile ira, gli spara alla testa. Al tramonto arriva la polizia che porta via il cadavere e arresta Mills in stato di shock. Nell’ultima scena Somerset, mentre va via, dice: “Ernest Hemingway una volta ha scritto: Il mondo è un bel posto, e vale la pena lottare per esso. Condivido la seconda parte”.

Dal romanzo di Andrew Kevin Walker. Ci sono sette delitti ispirati ai sette peccati capitali. Un obeso (la gola) viene ucciso col cibo. Un avvocato famoso per l’avarizia, prima di essere ucciso è stato costretto a mangiare un pezzo di se stesso. E così via per le altre vittime, che vengono uccise secondo la pena del contrappasso rispetto agli altri peccati capitali: accidia, superbia, ira, lussuria, invidia. Incaricati delle indagini sono il giovane Pitt e il vecchio Freeman. Il primo è arrabbiato e insofferente, l’altro fatalista e metodico. Pitt ha anche una moglie che aspetta un bambino, ma lui non lo sa. Indagano in un’atmosfera di violenza inverosimile, quasi inedita. Alla fine l’assassino si costituisce, ma solo per l’ultima, più tremenda beffa, ai danni del poliziotto giovane. Film particolare, regia che lascia un segno di novità grazie alla guida degli attori, all’impaginazione e alla gestione di una violenza nuova in un panorama dove le violenze sembravano esserci tutte. La fotografia aderisce alla storia con effetti di vera “angoscia cromatica”. Un film sulla via del culto anche da noi dopo il grande impatto americano. Pitt sempre diverso e bravo e poi Kevin Spacey, ormai il più grande cattivo del cinema ( I soliti sospetti).

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray

Produttore Videa CDE
Distributore Eagle Pictures
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese
5.1 DTS HD: Italiano Inglese
Sottotitoli Italiano Italiano NU
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Film