The Cloverfield Paradox

The Cloverfield Paradox è un film del 2018 diretto da Julius Onah, prequel e spin-off di Cloverfield e 10 Cloverfield Lane.


La pellicola è interpretata da: Gugu Mbatha-Raw, Elizabeth Debicki, Daniel Brühl, Ziyi Zhang, Chris O’Dowd, David Oyelowo, Aksel Hennie, John Ortiz, Roger Davies, Jordan Rivera.

Nel 2028 la Terra soffre di una crisi energetica globale. Le agenzie spaziali del mondo si preparano a testare l’acceleratore di particelle Shepard a bordo della stazione orbitante “Cloverfield”, che fornirebbe energia infinita alla Terra, ma i teorici della cospirazione temono che possa creare il “paradosso di Cloverfield”, aprendo portali che danneggerebbero lo spazio-tempo consentendo a minacce di universi paralleli di raggiungere la Terra. Tra i membri dell’equipaggio c’è Ava Hamilton, un’ingegnere britannico preoccupata di aver lasciato suo marito Michael solo per anni, dal momento che il loro rapporto è in crisi dopo la perdita dei loro figli. L’equipaggio è altresì formato dal comandante americano Kiel, dal fisico tedesco Ernst Schmidt, dal medico brasiliano Monk Acosta, dalla squadra di ingegneri Mundy, irlandese, Volkov, russo, e Tam, cinese.

Dopo circa due anni di test infruttuosi sullo Shepard, alla fine raggiungono un flusso di energia apparentemente stabile, ma un sovraccarico crea un aumento eccessivo di potenza nel reattore. Dopo averlo ripristinato, scoprono che la Terra è scomparsa assieme al giroscopio che aiuta la navigazione della stazione. Mentre l’equipaggio lavora alle riparazioni, iniziano a verificarsi strani eventi: una donna sconosciuta di nome Mina Jensen viene ritrovata fusa con fili e cavi all’interno di un muro; Volkov dopo aver fabbricato una pistola con una stampante 3D, mentre minaccia l’equipaggio, muore con i vermi del reparto scientifico che fuoriescono dal suo corpo; Il braccio di Mundy viene assorbito in un muro e gli viene reciso di netto, ma poco dopo lo stesso braccio viene trovato che striscia sul pavimento. Quando riconoscono che il braccio sta cercando di scrivere qualcosa, gli comunica di “aprire la pancia di Volkov”. Una volta fatto, trovano il giroscopio mancante nel suo stomaco. Così facendo individuano rapidamente la Terra ma ripristinando le loro comunicazioni, scoprono dai media che la stazione di Cloverfield è andata distrutta precipitando due giorni prima.

Si scopre dunque che Jensen è un membro dell’equipaggio della stazione spaziale ma di un universo parallelo, universo dove si sono teletrasportati a causa del sovraccarico del reattore. Capiscono che, per tornare nel loro universo, devono riattivare il generatore, prima però si accordano di rispedire Jensen sulla sua Terra con una capsula di salvataggio. Intanto però altri strani incidenti uccidono alcuni membri dell’equipaggio.

Sulla Terra originale, Michael affronta un’ondata di distruzione che sta devastando il pianeta e scorgendo la sagoma di un gigantesco mostro in lontananza si rifugia in un bunker sotterraneo, apprendendo che la stazione spaziale dove si trova sua moglie è sparita.

Rimasti solo Schmidt, Hamilton e Jensen, quest’ultima sabota la partenza, insistendo che la stazione deve rimanere nel suo universo per salvare la sua Terra con il dispositivo Shepard. Hamilton però usa la pistola per sparare a una finestra, che esplodendo, lancia Jensen nello spazio. Hamilton, prima di tornare al loro universo con Schmidt, fa una registrazione da inviare alla Terra alternativa, dando, a sé stessa, i piani per il dispositivo Shepard. Hamilton e Schmidt riattivano il reattore, ritornano nel loro universo e si espellono in una capsula di evacuazione verso la Terra.

Michael apprende della riapparizione della stazione e del ritorno di sua moglie sulla Terra, ma rimprovera il controllo della missione per non aver avvertito Hamilton di non tornare sulla Terra alla luce della grave situazione in corso. Mentre la capsula rientra nell’atmosfera terrestre, il mostro del film Cloverfield si palesa ruggendo tra le nuvole.

Inizialmente intitolato God Particle, il film è stato scritto e forse in parte anche girato prima che entrasse a far parte del franchise di Cloverfield, tanto che la protagonista Gugu Mbatha-Raw aveva dichiarato di non capire come fosse possibile questo inserimento in una mitologia più grande, visto che quando aveva partecipato alle riprese era un film di fantascienza del tutto autonomo.

Lo sceneggiatore Oren Uziel spiega di aver riscritto parti del film già durante le riprese, ma visto che la principale connessione con l’universo di Cloverfield emerge nelle scene senza gli astronauti è comprensibile che persino per il cast fosse un segreto. Del resto la segretezza è cruciale da sempre in questo franchise e per l’ultimo capitolo ci si è superati, annunciando il film con un trailer durante il Super Bowl e rendendolo disponibile su Netflix già alla fine dell’evento sportivo più amato dagli americani.

In linea con la tradizione di questa serie cinematografica, il regista Julius Onah non è famoso e ha nel suo curriculum solo un action gangster inedito in Italia (The Girl Is in Trouble). Come già nel secondo capitolo invece il cast è ricco di volti familiari al grande pubblico pur senza essere delle grandi star. Troviamo così il tedesco Daniel Brühl (Rush), l’irlandese Chris O’Dowd (Le amiche della sposa e la serie The IT Crowd), la statuaria australiana Elizabeth Debicki (The Night Manager, Guardiani della Galassia vol. 2), l’americano John Ortiz (Blackhat) e la cinese Zhang Ziyi (La foresta dei pugnali volanti, The Grandmaster) – che in effetti è una vera superstar ma “solo” per il pubblico cinese.

Nel cast di The Cloverfield Paradox c’è infine una coppia di inglesi, David Oyelowo (Selma) e soprattutto Gugu Mbatha-Raw, protagonista che aveva già lavorato con J.J. Abrams nella sua sfortunata serie Undercovers e che nel mentre si è vista anche al fianco di Will Smith in Zona d’ombra – Una scomoda verità. Infine è al suo primo lungometraggio Roger Davies, nei panni del marito della protagonista, che sulla Terra assiste a terribili sconvolgimenti. La serie di Cloverfield ritornerà presto, la prossima volta con un film sugli esperimenti nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, intitolato probabilmente Overlord e di cui pare sia già stata ultimata la post-produzione.

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray

Produttore Paramount
Distributore Universal
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Francese Spagnolo Tedesco Giapponese Polacco Portoghese
Dolby TrueHD Atmos: Inglese
Sottotitoli Italiano Inglese Inglese NU Francese Tedesco Spagnolo Portoghese Giapponese Danese Olandese Finlandese Norvegese Svedese Arabo Polacco
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione DVD

Produttore Paramount
Distributore Universal
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,40:1 Anamorfico
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Francese
Sottotitoli Italiano Inglese Inglese NU Francese Danese Olandese Finlandese Norvegese Svedese
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Film