Un piccolo favore

Un piccolo favore (A Simple Favor) è un film del 2018 diretto da Paul Feig ed interpretato da: Anna Kendrick, Blake Lively, Henry Golding, Andrew Rannells, Linda Cardellini, Jean Smart, Ian Ho, Aparna Nancherla, Kelly McCormack, Rupert Friend, Eric Johnson, Dustin Milligan, Sarah Baker, Gia Sandhu, Cyndy Day, Melody Johnson, Joshua Satine, Glenda Braganza, Jiah Mavji, Ava LaFramboise, Danielle Bourgon, Lila Yee, Zach Smadu, Andrew Moodie, Sugenja Sri, Patti Harrison, Jason Oliveira, Noorin Gulamgaus, Katherine Cullen, Bashir Salahuddin, Howard Hoover, Ronnie Rowe, Melissa O’Neil, Paul Jurewicz, Roger Dunn, Corinne Conley.


Un Piccolo Favore, il film scritto e diretto da Paul Feig, è un mystery imprevedibile, un noir contemporaneo che indaga sulla fiducia all’interno delle relazioni, sui confini dell’ambiguità e sulla spasmodica ricerca della perfezione, che vede due amiche al centro di un intreccio di segreti inconfessabili e fatali bugie.

Stephanie (Anna Kendrick) è una mamma vlogger che cerca di scoprire la verità dietro la scomparsa della sua migliore amica, Emily (Blake Lively). Stephanie è affiancata dal marito di Emily, Sean (Henry Golding), in questa ricerca che darà vita a colpi di scena, tradimenti, segreti e rivelazioni, amori, omicidi e vendette.

Da più parti si è scomodato il paragone con Gone Girl, ma sarebbe più corretto dire che Un piccolo favore sta al film di Fincher come “Invito a cena con delitto” sta a “Dieci piccoli indiani”: siamo, cioè, nella parodia; la tensione c’è, ma è l’umorismo a padroneggiare la scena, e a diventare farsa verso la fine, quando si gioca ormai a carte scoperte.

In mezzo c’è un gioco sul genere, che mette in campo tutti i cliché di un certo thriller: il campeggio sul lago, lo spettro della droga, un passato incendiario, un presente inafferrabile, una tranquilla provincia di paura alla Big Little Lies, lettere anonime e guardaroba posseduti. E soprattutto un colpo di scena dopo l’altro, in una sequenza così rapida e ravvicinata che, se anche ci fosse qualcosa che non torna nei meccanismi della trama, sarebbe troppo complicato accorgersene in tempo reale.

Questo genere di parodie conta esempi illustri, tra cui sarebbe francamente ardito annoverare il film di Paul Feig, ma sarebbe altrettanto ingiusto non rendergli il merito di aver osato in un genere complesso, che richiede abilità sul piano del copione ed eclettismo in materia di recitazione. E Un Piccolo Favore ha dialoghi brillanti, citazioni colte e simpatiche (Les Diaboliques, Nancy Drew) e due interpreti perfette per il ruolo, anche in virtù della loro immagine metacinematografica: Anna Kendrick non fa fatica a mostrarsi credibile come qualcuno che tende a dare un’idea buonista e stereotipata di sé, e Blake Lively è una “rediviva” di nome e di fatto.

L’estetica grottesca, tra grafiche patinate e canzonette in francese, e lo sconfinamento nel demenziale, suggellano appropriatamente la confezione di questa commedia che prende in giro usi, costumi e manie della scena femminile contemporanea, sociale e cinematografica. Si dà un tono da cocktail, ma sotto sotto è un popcorn movie, che si divora con gusto, pur sapendo che non ne resterà nulla.

Impostato su tutt’altri toni e con una sceneggiatura riveduta e corretta, Un piccolo favore avrebbe potuto essere a suo modo un epigono degno di Gone Girl. Invece risulta superficiale e stereotipato nelle sue frecciate così come sotto qualsiasi altro aspetto. Chi ci ha visto la liberazione di Blake Lively dallo stereotipico della ragazza super sexy farebbe meglio a ricredersi: il suo ruolo è la versione aggiornata e anagraficamente corretta del suo personaggio cult di Gossip Girl. L’unica differenza è che è diventato socialmente accettabile e perfino auspicabile “dire le cose come stanno”, una perifrasi molto compita per dire che oggi dentro e fuori dai cinema essere sfrontati e volgari (passatemi il francesismo, essere stronzi) è un attributo socialmente accettabile. Anzi, forse auspicabile. Di certo incredibilmente cool.

Scheda Tecnica Edizione Blu Ray

Produttore Leone Film Group
Distributore Rai Cinema
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,00:1 Anamorfico 1080p
Formato audio 5.1 DTS HD: Italiano Inglese
Sottotitoli Italiano NU
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Tecnica Edizione DVD

Produttore Leone Film Group
Distributore Rai Cinema
Anno pubblicazione 2019
Area 2 – Europa/Giappone
Codifica PAL
Formato video 2,00:1 Anamorfico
Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese
Sottotitoli Italiano NU
Tipo confezione Amaray
Numero dischi 1
Extra Trailer

Scheda Film