Sky Atlantic HD presenta la stagione 2016 al 61esimo Festival Internazionale del cinema di Taormina.


Taormina, 15 giugno 2015. Le porte del Palacongressi si chiudono e lo staff di Sky prende possesso del palcoscenico. Sono presenti, tra gli altri, il direttore di Sky Atlantic HD, Antonio Visca, il direttore di Sky On Demand, il responsabile delle comunicazioni, Flavio Natalia.

Si entra subito in medias res e il focus é tutto sui numeri, davvero impressionanti, che Sky ha realizzato in Italia col servizio On Demand. My Sky oggi vede ben 1,6 milioni di famiglie connesse e oltre 3 milioni di download alla settimana. Un’offerta che vanta ben 12 canali HD e un database con 1000 film sempre disponibili e in costante aggiornamento. Inevitabili le domande sulla concorrenza di Mediaset, col servizio Infinity, e soprattutto di Netflix che, a partire dal prossimo mese di ottobre, sarà disponibile anche in Italia. La linea ufficiale di Sky è quella di apprezzare la concorrenza sul mercato, in quanto elemento che spinge sempre a migliorarsi. Il tempo ci dirà se i numeri pubblicati saranno destinati a crescere ancora o meno.

Esaurita la fase celebrativa, prende la parola Antonio Visca, direttore di Sky Atlantic HD, per presentare la stagione 2016. Qui i numeri cedono il passo alla tangibilità di un’offerta davvero maestosa, costellata da prodotti di primissimo livello.

Si comincia con i nuovi episodi del remake, in salsa tutta italiana, di In Treatment. Prodotta da HBO, la serie sarà diretta da Saverio Costanzo. Il cast, confermato e parzialmente rinnovato, vedrà come protagonisti Sergio Castellitto, Barbara Bobulova, Maya Sansa, Alba Rohrwacher, Greta Scarano e Licia Maglietta.

Il 2016 saluterà anche il ritorno di Gomorra, con la seconda stagione, le cui riprese sono tutt’ora in corso. Riprende, dunque, lo scontro per il territorio nel seguito di quella che è stata la serie evento del 2014, osannata da pubblico e critica al punto da essere venduta in oltre 100 paesi.

Si celebra, poi, Transparent, serie di recente debutto che ha trionfato agli ultimi Golden Globe, grazie alla rivoluzionaria idea di raccontare la storia di un padre che, alla soglia dei 70 anni, confessa alla famiglia la propria natura transgender.

Da tenere d’occhio anche Togetherness, comedy firmata HBO è incentrata sulla vita di quattro persone, costrette dagli eventi a vivere sotto lo stesso tetto, dove condivideranno sogni, speranze e delusioni.

È ora l’annuncio più atteso. A partire dalla notte tra il 21 e il 22 giugno, alle 3.00, in contemporanea con gli Stati Uniti, debutterà la seconda stagione di True Detective, seguito della fortunata serie con Mattew McConaughey e Woody Harrelson, capace di conquistare anche il nostro Bernardo Bertolucci per regia e qualità narrativa. “We get the world we deserve” (noi abbiamo il mondo che meritiamo) è il mantra che precede l’annuncio ufficiale. Il trait d’union tra le due stagioni è rappresentato dalla presenza di Nic Pizzolatto, ideatore, showrunner e sceneggiatore. Cast e storia sono, invece, rivoluzionati. Protagonisti della serie sono Colin Farrell, Vince Vaughn, Rachel McAdams e Taylor Kitsch.

La California sarà teatro di nuovi misteri e nuove cospirazioni, elementi collaterali di un efferato crimine di difficile risoluzione. Colin Farrell interpreta Ray Velcoro, un detective professionista evidentemente compromesso che, nel tentativo di fare giustizia, si barcamena tra bene e male, tra un dipartimento di polizia corrotto e i rapporti con la malavita. Vince Vaughn è Frank Semyon, un criminale di successo che rischia di perdere il suo impero. Taylor Kitsch è Paul Woodrough, veterano di guerra e ufficiale in motocicletta della California Highway Patrol che fugge da un passato difficile. Il volto femminile è quello di Rachel McAdams, impegnata nel ruolo di Ari Bezzerides, detective al servizio dello sceriffo di Ventura County, poco incline al compromesso e fedele alla propria etica.

Il 14 luglio sarà il giorno del debutto di Mozart in The Jungle, in contemporanea su Sky Atlantic e Sky Arte HD. Roman Coppola e Jason Schwartzman dirigono Gael Garcia Bernal e Malcom McDowell in un drama dietro le quinte del mondo della musica classica. Uno spaccato della vita dei musicisti fatto di alcool, sesso e droghe oltre a dedizione e impegno.

Il 26 ottobre, in contemporanea con gli Stati Uniti, sarà il turno della seconda stagione di The Knick, geniale, cruenta e visionaria ricostruzione del medical drama nella New York di inizio secolo ad opera di Steven Soderbergh. Ancora una volta, protagonista della serie sarà uno strepitoso Clive Owen.

Ambientazione vintage e passo moderno anche per Master of Sex, al debutto il 5 agosto. Ispirata al romanzo biografico di Thomas Maier, è stata definita la “Mad man sul sesso”. La serie è incentrata sugli studi del dottor Wlliam Masters e della sua assistente, pionieri del sesso tra gli anni 50 e 60.

Naturalmente, non mancherà la nuova stagione di House of Cards, political drama con Kevin Spacey e Robin Wright che conquistato persino Obama in persona.

Tornerà anche Il Trono di Spade, attualmente giunto alla quinta stagione. La serie HBO ha frantumato ogni record, toccando quota 4 milioni di download su Sky On Demand.

A cura di Nicola Merlo